MUDHONEY
Morning In America

[Sub Pop – 2019]
7.5
 
Genere: Punk rock
 
4 Ottobre 2019
 

“Morning In America” viene pubblicato a poche ore dalla notizia dell’ennesima sparatoria che ha insanguinato gli Stati Uniti, episodi ormai così frequenti da essere diventati una spaventosa routine. E’ questo il paese che i Mudhoney raccontano in sette brani urgenti, rabbiosi. Copertina in bianco, grigio e nero, un titolo che cita lo spot elettorale di Ronald Reagan del 1984 (“Prouder, Stronger, Better”) ribaltandone il significato.

E’ passato un anno da “Digital Garbage” ma Mark Arm, Steve Turner, Guy Maddison e Dan Peters hanno ancora molto da dire. Sarcastici come d’abitudine e più sferzanti del solito scrivono il loro personale inno nazionale: la title track “Morning In America” con quelle lucidissime e livide righe iniziali (“America hates itself / America hates itself / America thinks it’s someplace else”) che fotografano come una Polaroid la fine del sogno e l’inizio dell’incubo.

“Let’s Kill Yourself Live Again” è la versione alternativa molto più punk di “Kill Yourself Live” quarta traccia di “Digital Garbage”, in “Creeps Are Everywhere” troviamo un Mark Arm capace di fare meraviglie con la sua tagliente e cocciutissima voce mentre il basso di Maddison trascina “Ensam I Natt” (cover dei The Leather Nun) prima di una chiusura tutta muscoli e cervello con la batteria di “Snake Oil Charmer” e i riff brucianti di “One Bad Actor” tratta da un raro EP condiviso con gli Hot Snakes.

America che odia se stessa, che si guarda allo specchio e si ritrae disgustata, incapace di uscire da un vortice di bugie e schiava del potere ma non ancora sconfitta quella dei Mudhoney. Un’America divisa che resiste gridando “Fight back / Stand up tall / Kick them square in their tubular balls” in ventidue minuti carichi e convinti.

Credit foto: Niffer Calderwood

Tracklist
1. Vortex Of Lies
2. Creeps Are Everywhere
3. Ensam I Natt
4. Morning In America
5. Let’s Kill Yourself Live Again
6. Snake Oil Charmer
7. One Bad Actor

 
 

The Morsellis – The Primavera ...

Un nuovo album di Alberto Morselli rappresenta sempre un piccolo evento, visto quanto è stata centellinata la sua attività discografica ...

The Cavemen – Night After ...

The Cavemen sono inarrestabili: il loro EP, “Lowlife”, era uscito solamente a febbraio, ma ieri è già arrivato un nuovo album, ...

Misery Loves Co. – Zero

Avevamo lasciato gli svedesi Misery Loves Co. fermi al 2000, anno in cui venne pubblicato l’album “Your Vision Was Never Mine To ...

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...