OGGI “AUTOMATIC ” DEI THE JESUS AND MARY CHAIN COMPIE 30 ANNI

 
9 Ottobre 2019
 

Terzo album per gli scozzesi più rumorosi del globo. Nel 1989 i TJ&MC erano davvero ridotti all’osso come band, ma in fin dei conti che ci frega, bastavano bene William e Jim Reid e una drum machine per sfornare bordate soniche dall’alto tasso di contagio e quelle caramelle psichedeliche sempre più in odore di Velvet Undreground strafatti e in acido.

Il disco viaggia bene e s’infila in parte nel solco già delineato da “Darklands” del cambiamento rispetto allo storico esordio, stavolta in modo ancora più spartano come suoni e con l’attenzione alla ritmica che diventa sempre più importante. Attenzione, le chitarre sono sempre rumorose (certo non totalmente deraglianti e violente come nell’esordio, ma non crediate che si siano ammorbidite da risultare senza mordente) ma è, come dicevamo, il piglio ritmico che si fa accattivante, sposandosi alla perfezione con le voci  dei nostri eroi e con quel feedback che loro sanno piazzarci così, senza alcuna fatica. Una batteria secca, che martella con gusto e a testa bassa. Oscuri, lascivi, ironici e denigratori, capaci di parlare di pazzia e suicidio, evocandoli con i loro suoni, ma anche fottutamente accattivanti: i due Reid hanno un senso melodico innato e non perdono la loro carica abrasiva, anche quando viene plasmata su coordinate quasi pop, perché alla fine con brani incalzanti come “Between Planets” (che in realtà ha un testo decisamente pesantino) e “Head On” ti trovi in pista a dimentarti come un invasato, con melodie che dire appiccicose è dire poco.

Il disco ha dei numeri pimpanti come “Coast To Coast” e decisamente nervosi e metallici (“Uv Ray”), ma non manca anche il lato più lisergico e decandente, quello che abbassa i toni e le luci e ti porta in un mondo malato e claustrofobico (“Here Comes Alice” o “Half Way To Crazy”). Per chi vuole i Jesus più sporchi e impegnati a farci fischiare le orecchie, beh, abbiamo anche quello con delizie come “Blues From A Gun” e sopratutto la debordante “Take It”, così  come “Gimme Hell” che ci porta proprio nell’inferno, senza possibilità di redenzione, tra bordate chitarristiche e assoli lancinanti.

30 anni, ma questo “Automatic” si fa ascoltare che è un piacere…

Tipo album: Studio
Pubblicazione: 9 ottobre 1989
Dischi: 1
Tracce: 12
Genere: Rock alternativo
Etichetta: Blanco y Negro Records
Produttore: Jesus and Mary Chain

Here Comes Alice – 3:52
Coast to Coast – 4:13
Blues from a Gun – 4:44
Between Planets – 3:27
UV Ray – 4:04
Her Way of Praying – 3:46
Head On – 4:11
Take It – 4:34
Halfway to Crazy – 3:41
Gimme Hell – 3:18

 

Oggi “A Night At The ...

di Federico Arduini Il 21 novembre 1975, esattamente 45 anni fa, arrivava nei negozi il quarto lavoro in studio dei Queen, “A Night At ...

Oggi “So Red The Rose” ...

A fine 1985, con i Duran Duran fermi ai box e con qualche crepa che inizia a delinearsi all’orizzonte, ecco arrivare la scappatella ...

Oggi “Psychocandy” dei The ...

C’è chi dice che lo shoegaze abbia una data di nascita scritta a penna sul certificato di battesimo e che quella data sia: 18-11-1985. Il ...

A proposito del live streaming: ...

Personalmente i concerti amo vederli dal vivo, sotto un palco, in una dimensione in cui la distanza tra le persone non sia la mia prima ...

Oggi “Confessions On A Dance ...

Vent’anni di trionfi e poi, quasi all’improvviso, il flop. O comunque qualcosa di molto simile. Nel 2003 l’album “American Life” ...