LIFE
A Picture of Good Health

[ Afghan Moon / Pias - 2019 ]
7.5
 
Genere: Punk, Alternative Rock
 
11 Ottobre 2019
 

I Life di  Mez Green e soci tornano dopo l’ottimo album del 2017 “Popular music”, e lo fanno confermando le loro qualità che si esprimono attraverso un atteggiamento e un sound Punk più consapevole e ricco di contenuti.

Avvalendosi della produzione di Luke Smith dei  Foals, e anche di Claudius Mittendorfer dei Parquet Courts, sfoderano un album pieno di energia, con un sound brillante e ben arrangiato, musicisti sempre più sicuri e band in crescita.

Recentemente abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con il Frontman Max Green (intervista), che ci ha spiegato come in questo nuovo lavoro ci fosse stato, sia nei testi che nella musica, un processo creativo diverso dal precedente album, di come ci fosse stata una sperimentazione maggiore  e come i contenuti politici si fossero intrecciati con le proprie esperienze personali.

I Life nascono e vivono ad Hull, città dello Yorkshire, forse un po’ tagliata fuori dalle epopee musicali di altre città inglesi ma che ha comunque ha visto nascere band del calibro degli Housemartins Everything But the Girl, e che ha dato i natali al grande Mike Ronson, un posto dove tra pescatori e proletariato non mancano le problematiche delle grandi città di provincia, che finiscono con il riversarsi nella formazione politica e storia personale di Green, nei suoi testi ma anche nel suo impegno sociale, da diverso tempo si dedica con la musica ad aiutare giovani in difficoltà.

Esiste quindi oggi  un Punk colto ed impegnato e sicuramente musicalmente molto valido, i Life   insieme ai  Fontaines D.C. e agli   Idles, ne sono i maggiori rappresentanti, capace di raccogliere l’insoddisfazione e l’incertezza per veicolarlo nell’impegno sociale e nella protesta costruttiva, e non nel più semplice e banale nichilismo.

Grazie ad ottimi arrangiamenti la band offre una combinazione classica di voce, basso, chitarra, batteria che ha la capacità  di presentarsi ricca e convincente fin dal brano di apertura “Good Health” con un interessante basso incalzante, una ripetizione vocale ossessiva, una chitarra volta a disturbare una batteria sempre più in primo piano, un inizio con la semplicità Punk ma reso in maniera superba.

Il successivo brano “Moral Fibre” descrive in modo ironico l’ambiente dell’industria musicale, ed è il pezzo che maggiormente ha permesso alla band di farsi conoscere, ha un impatto più immediato rispetto agli altri brani, ed è quello  che ha maggiori possibilità di avere una rotazione radiofonica.

Questo continuo riferimento al Punk non deve ingannare, i Life in questo album iniziano anche a muoversi verso altri dimensioni, come avviene in “Half Pint Fatherhood “, affresco molto personale sulle situazione e problemi di un papà single, tra cori ed energia e come in “Excites Me”,  psichedelico e distorto, ambedue tra gli episodi più interessanti dell’album.

L’ album scorre via che è una meraviglia e riesce ad avere una sua uniformità e una riconoscibilità che è la caratteristica delle band che funzionano.

Tutti i brani sono dotati di energia unica e il sound appare vitale per tutta la durata di “A Picture of Good Health”, una energia punk che  già da un occhiata al proprio futuro perché, statene certi, i Life stanno crescendo e hanno ancora molto da dire, ci regalano un ottimo lavoro e  la certezza di avere una band da tenere d’occhio .

Tracklist
1. Good Health
2. Moral Fibre
3. Bum Hour
4. Hollow Thing
5. Excites Me
6. Never Love Again
7. Half Pint Fatherhood
8. Grown Up
9. Niceties
10. Thoughts
11. It’s a Con
12. Don’t Give Up Yet
13. New Rose In Love
 
 

The Morsellis – The Primavera ...

Un nuovo album di Alberto Morselli rappresenta sempre un piccolo evento, visto quanto è stata centellinata la sua attività discografica ...

The Cavemen – Night After ...

The Cavemen sono inarrestabili: il loro EP, “Lowlife”, era uscito solamente a febbraio, ma ieri è già arrivato un nuovo album, ...

Misery Loves Co. – Zero

Avevamo lasciato gli svedesi Misery Loves Co. fermi al 2000, anno in cui venne pubblicato l’album “Your Vision Was Never Mine To ...

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...