PLAINN
Plainn

[ Pipapop Records - 2019 ]
7
 
Genere: Acustico
 
17 Ottobre 2019
 

Paolo Brusò non è nuovo a progetti che abbracciano più livelli artistici: reading musicali, composizioni, musiche per spot e il nuovo arrivato, Plainn.

Il disco d’esordio dell’ultima creazione è dedicato all’intimità dell’abbracciare la chitarra e il piano, portando il suono acustico al centro di tutto. Se “Sins” ricorda Nick Drake, nell’incipit di “Take Care” risuona l’eco dei Blonde Redhead di “For the Damaged Coda” (sigla finale di “Rick & Morty”; in un simpatico commento un utente ha cercato la canzone digitando “ahhhh ahhh ahhh sad song”). I toni non sono dei più allegri, tuttavia canzoni come “My Star” e la strumentale “Plains” alzano il tiro.

Un buon lavoro, musicalmente delicato e pacato, caratteristiche difficili da trovare oggi. Merita un ascolto approfondito, meglio se da soli, per apprezzare appieno l’atmosfera invernale.

Photo credits: Andrea Paneghetti

Tracklist
1. Open Sea
2. Take Care
3. My Star
4. A Part of You
5. Sins
6. Inside Out
7. Child
8. Plains
9. Again
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...