OGGI “ON FIRE” DEI GALAXIE 500 COMPIE 30 ANNI

 
Tags:
20 Ottobre 2019
 

[ndr: dura la vita di chi cerca le date esatte di uscita degli album. In alcuni i casi Wikipedia aiuta, in altri scombina i piani, mettendo anche date diverse. Per questo album dei Galaxie 500 abbiamo già realizzato un articolo celebrativo, datato 1 settembre, data di uscita riportata anche sul Bandcamp del gruppo, ma Wikipedia e altre fonti citano il 20 ottobre 1989 come data di uscita. E allora? Beh, nessun problema, altro articolo. Perché limitarsi a un pezzo solo per un disco così bello?]

Ci sono gruppi bellissimi. Esistono, ma spesso vengono ignorati durante la loro parabola per poi essere riscoperti e apprezzati diventando la colonna sonora di qualcosa che manca nel tempo nel quale viviamo e loro, dal passato, riempiono quel vuoto. I Galaxie 500 sono uno di quei casi. Nel 1989 l’indie rock o l’underground, come vogliamo chiamarlo, sta nascendo e inizia a farsi vivo e a toccare i cuori di pochi appassionati. Naomi Yang (basso), Damon Krukowski (batteria) e il neozelandese Dean Wareham (chitarra e canto) formano la loro prima band a New York e dopo aver pubblicato “Today” nel 1988, danno alle stampe, un anno dopo, il loro capolavoro sotto etichetta Rough Trade: “On Fire”. In cinquanta minuti il trio condensa echi di Velvet Underground, Nick Drake e Leonard Cohen uniti al post punk e a un proto emocore che troverà grande respiro dopo poco in bands quali Codeine, Rex e Him. “Blue Thunder” è dolcissima e desolante all’inizio per poi esplodere nella doppia voce di Dean e Naomi e cullarci fino alla fine. “Tell Me” segue il primo brano con Dean che continua il suo falsetto angelico mentre la chitarra è esangue. Il mood è sempre lo stesso: malinconia e delicatezza, come un fiume che scorre placido al chiaro di luna.

“Snowstorm” ci offre la voce di Dean in lontananza, come un pianto lacrimevole e desolato sorretto dalla chitarra monotematica e da un basso languido. “Strange” sembra un pò western e appena appena più energica. I Galaxie non hanno un linguaggio vario, non hanno tante direzioni stilistiche sulle quali fondare un’impalcatura, ma giocano coi colori, con i vuoti e con l’emotività delle melodie vocali e della violenta e struggente ripetitività delle note; questo è il loro punto di forza. Colpiscono al cuore e “Another Day” lo dimostra appieno. Qui è Naomi che canta con la sua angelica voce appena sorretta da un tappeto musicale minimale e appositamente tenuto sotto. Il risultato è un diamante purissimo incastonato nel buio più buio che c’è.

E avanti così, sino alla fine, con gemme come “Plastic Bird” e “Leave the Planet”. Da menzionare la cover di “Isn’t a Pity” di George Harrison e di una devota e catatonica “Ceremony” dei New Order. Il 20 ottobre sono giusto trent’anni da quest’album e quello che ritroviamo sono piccole poesie sonore, anticipatrici di tante bands e anche di un certo shoegaze alla Pale Saints per intenderci. La storia dei Galaxie 500 durerà ancora per un altro album per poi finire per sempre e a noi non resta che un piccolo tesoro da riscoprire.

Pubblicazione: 20 ottobre 1989
Durata: 51:00
Genere: Dream pop, Shoegaze
Etichetta: Rough Trade
Produttore: Mark Kramer
Registrazione: Noise NY studios

Tracklist:

Blue Thunder – 3:45
Tell Me – 3:50
Snowstorm – 5:10
Strange – 3:16
When Will You Come Home – 5:21
Decomposing Trees – 4:05
Another Day – 3:41
Leave the Planet – 2:40
Plastic Bird – 3:15
Isn’t It a Pity (George Harrison) – 5:10

 

Oggi “All That You ...

In genere, riferendosi a un album come “All That You Can’t Leave Behind” degli irlandesi U2 (che, pubblicato il 30 ottobre ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Uscito per il Record Store Day, ...

di Stefano Bartolotta La leggenda di “The Dead Flowers Reject” inizia il giorno del decimo anniversario di “Six”. Quel giorno, Paul ...

Oggi “LP” dei Mambassa compie ...

Dieci anni fa i Mambassa pubblicavano l’album numero cinque (recensito qui) che si è un po’ perso tra faldoni e cartelle, pile di ...

Diamo un’occhiata a ...

E’ un piatto ricchissimo quello che i fan dei Menswe@r possono gustarsi con l’acquisto di questo cofanetto edito da Edsel. ...