BIG THIEF
Two Hands

[ 4AD - 2019 ]
8
 
Genere: alt-folk, americana
Tags: ,
 
di
21 Ottobre 2019
 

Che ci fosse urgenza di mettere sul piatto pulsioni e creatività è apparso inconfutabile alla sola notizia di questo nuovo lavoro, il secondo per il 2019, a firma Big Thief: soprattutto perché da Adrienne Lenker e soci non ci possiamo aspettare che questo “Two Hands” rappresenti un qualcosa di riempitivo o addirittura di superfluo, messo lì per una ragione diversa da quella sopra.

E’ un album vero, fatto di canzoni vere, costruite su sentimenti ed immagini altrettanto autentici. Quelli di Adrienne, certo, alla quale la band è bravissima a costruire intorno l’atmosfera più adatta.

Ed è quindi un altro piccolo gioiello questo “Two Hands” che, come anticipato dagli stessi Big Thief, è nato per riportare sulla dimensione terrena quelle venature metafisiche ed eteree che avevano contraddistinto il precedente (ed, opinione personale, magnifico) “U.F.O.F.”: missione riuscita, poco da aggiungere.

Approccio strumentale minimale ed intimo, abito sonoro volutamente imperfetto, stilisticamente elegante quanto essenziale, “Two Hands” è la conferma che i Big Thief sono ormai da considerarsi a tutti gli effetti degli alfieri di quel alt-folk bagnato di americana che vede in gente come i Wilco probabilmente l’attuale benchmark artistico.

Autunnale, passionale, accorato, l’incedere dell’album fa del tepore, della delicatezza, del calore umano i suoi peculiari tratti distintivi. Le uniche deviazioni dal tracciato sono i due singoli diffusi prima della sua uscita, “Not” con il suo deflagrare in un assolo ruvido e nervoso che si estende a sua volta in una lunga coda dal sapore jam, e “Forgotton Eyes”, una delizia e, al netto del contenuto, forse l’unico momento di vera leggiadria: un brano che qualora tirato a lucido, con un abbigliamento pop e preceduto magari da un nome più altisonante e mainstream sarebbe probabilmente in heavy rotation nelle radio di mezzo mondo.

Quello dei Big Thief è un viaggio bellissimo ed in giorni come i nostri, dove l’iperproduttività solo raramente coincide con la qualità, siamo fortunati a poterne essere coevi e spettatori.

Photo by Dustin Condren

Tracklist
1. Rock and Sing
2. Forgotten Eyes
3. The Toy
4. Two Hands
5. Those Girls
6. Shoulders
7. Not
8. Wolf
9. Replaced
10. Cut My Hair
 
https://open.spotify.com/album/7pg8T6pajjHVZbiyB8bGxo?si=oMfAGfYgSEu2FOUKwkryqA
 

Pearl Jam – Gigaton

Sono abbastanza stufo di sentire da più parti certi commenti riguardo a band che farebbero meglio a ritirarsi in quanto non hanno più ...

Four Tet – Sixteen Oceans

Viaggi mentali – parte prima. Visti i tempi di semi – clausura forzata non resta che viaggiare col cervello. Il nuovo disco di Kieran ...

Roger Eno and Brian Eno – ...

di Luca Rigato Credo che i due fratelli Eno non abbiano bisogno di molte presentazioni. Non è neanche la prima volta che collaborano ...

Moaning – Uneasy Laughter

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo ...

Ultraista – Sister

Viaggi mentali – parte seconda. Ci sono voluti otto anni agli Ultraísta per dare un successore all’esordio omonimo ma “Sister” ...