MIKE JOYCE CI SVELA QUAL E’ L’UNICA COSA SU CUI VANNO D’ACCORDO TUTTI GLI EX COMPONENTI DEGLI SMITHS. FORSE.

 
21 Ottobre 2019
 

Mike Joyce, musicista consegnato alla storia per essere stato il batterista di una delle migliori band di sempre The Smiths, a breve a Milano per un DJ set, ci concede questa intervista dove ci parla della musica che ascolta e del punk, e ci sorprende svelandoci qual è l’album degli Smiths che tutti gli ex componenti preferiscono .

Nato a Manchester, giovanissimo ha suonato la batteria per la band di Manchester The Hoax e il gruppo punk rock irlandese Victim. Raggiunto il successo con gli Smiths  e batterista del gruppo fino al prematuro scioglimento del 1987, continuerà a suonare dopo lo fine della band, collaborando con molti artisti tra cui  Sinéad O’Connor, i Suede , Buzzcocks , Public Image Limited, Julian Cope, e lo stesso Morrissey per i singoli  “Interesting Drug” and “The Last of the Famous International Playboys”.

Nel 1996, Joyce fece causa agli ex componenti della Smiths, Johnny Marr e Morrissey, per una questione legata ai diritti di esecuzione e registrazione, vincendola ed ottenendo  il pagamento dei danni  pari a circa un milione di sterline da Marr, abbastanza velocemente, e da un restio a pagare Morrissey, qui tutto un po’ più complicato .

Negli ultimi anni è diventato un apprezzato conduttore radiofonico e Dj, partecipando a serate nei locali di tutto il mondo dove offre intrattenimento a base di ottima musica e incontra i fan degli Smiths.

Ecco cosa ci ha raccontato in vista della sua serata come DJ al Serraglio di Milano, il 25 ottobre, all’Indie-Disco Night:

Caro Mike, è un vero piacere intervistarti. Presto sarai a Milano per un DJ set: puoi per favore darci una piccola anteprima? Quali band ci farai ascoltare ?
Di solito provo a suonare grandi successi, piuttosto che qualcosa di troppo sconosciuto, quindi aspettatevi di ascoltare brani dei  The Cure, Suede, Pulp, Buzzcocks, The Fall, Charlatans, Blondie, Depeche Mode…

I tuoi inizi sono stati con band punk e conosciamo la tua passione per i Buzzcocks, con cui hai collaborato. Cosa ne pensi della nuova scena punk inglese (es. gruppi come Idles e Life per esempio): li trovi interessanti? Hai delle nuove band da suggerire ai nostri lettori?
Mi piacciono molto le band che stanno arrivando nel Regno Unito e dall’altra parte del mare in Irlanda, in particolare Fontaines DC e The Murder Capital.
Ho visto una band la scorsa settimana chiamata Plastic Mermaids. Sono grandi scrittori e musicisti e hanno un suono davvero unico. Prendi tutti i pezzi migliori da Flaming Lips, LCD Soundsystem, Foals e Dutch Uncles e il gioco è fatto.
Dai un’occhiata al loro album, “Suddenly “Everyone Explodes”. Abbastanza geniale!

Sei stato speaker  radiofonico per molti anni, raccogliendo successi  e soddisfazioni, allo stesso tempo ora sei molto impegnato come DJ, hai anche qualche altro progetto che prevede un tuo ritorno alla batteria?
L’anno scorso avevo un nervo compresso nella spalla e non ho potuto suonare la batteria per sei mesi a causa del dolore. Mi sto prendendo una pausa dalla batteria  in questo momento, ma chissà, quando me la  sentirò,  se sarà il momento giusto per ricominciare a suonare…

Immagino che tu abbia risposto a milioni di domande su The Smiths nel corso degli anni, ma è impossibile non fartene qualcuna. Gli Smiths hanno sempre aumentato il numero di fan nel corso degli anni, certificando una qualità senza tempo. Ricordo che negli anni ’80 ho scoperto The Smiths comprando l’album “Hatful of Hollow”. Lo trovai così diverso dalla stanca scena New Wave, sembrava attingere dal punk rock soprattutto nella parte che tu hai suonato, sei d’accordo?
Sì. Ci sono molte tracce degli Smith che hanno un’energia pura che si potrebbe dire avere un’influenza dal punk / new wave. D’altronde i miei artisti preferiti in gioventù erano: The Sex Pistols, Buzzcocks, Generation X.
Anche Johnny e Morrissey hanno entrambi espresso la loro simpatia per gli artisti punk, new wave tra cui: The New York Dolls, The Ramones, Buzzcocks, Iggy Pop, Magazine, Siouxsie & The Banshees.

Molte volte l’album d’addio di una band ha poca qualità, ma non è successo per “Strangeways, Here We Come!, ancora un album di valore assoluto: gli Smiths avevano ancora molto da offrire.
La band si stava evolvendo in una continua crescita qualitativa, anche nella sezione ritmica sempre più pulita e raffinata. Sei d’accordo? È stata una tua scelta o una naturale evoluzione di tutti i membri della band?
Tutti e quattro i membri della band concordano sul fatto che “Strangeways, Here We Come” è il nostro album più bello. Forse l’unica cosa su cui siamo tutti d’accordo!
Mi piace pensare che la mia batteria sia migliorata continuamente dalla prima registrazione con “Hand in Glove”. Quando fai parte di una band con un chitarrista e un bassista con qualità eccezionali, devi migliorare.

Ho sempre avuto un debole per la vostra canzone “The Queen is Dead”, che è una pezzo con un inizio piuttosto particolare.
All’epoca ero molto sorpreso dai tamburi esplosivi, mi chiedevo sempre come fosse nata questa canzone e se fosse tra le tue preferite. Puoi dirci qualcosa al riguardo?
In caso contrario, ti chiedo quali sono le canzoni degli Smiths che preferisci di più?
La batteria di “The Queen is Dead” è nata in studio. Sebbene Johnny avesse già il riff, la maggior parte del lavoro, che è diventata la sezione finita sulla batteria, è stata creata in studio.
Anche se “The Queen is Dead” è una delle mie canzoni preferite degli Smiths, è molto difficile averne solo una preferita in particolare. Suppongo che se dovessi fare una scelta sarebbe “Hand in Glove” perché era la prima volta che sentivamo tutti e quattro The  Smiths…e che momento è stato!

 

“Nel mio lavoro non devo ...

A maggio di quest’anno è stato pubblicato “Cult Classic”, l’ultimo lavoro del 33enne canadese Jon Bryant, album nato ...

“Volevo fare un disco ...

Non usa più il nome di Mezzala il buon Bitossi, come a indicarci che, forse, questo è davvero il disco che avrebbe sempre voluto fare. ...

“Quando non siamo in tour, ...

I Tiny Moving Parts sono una band emo-punk / math-rock del Minnesota: formato da una coppia di fratelli (William e Matthew Chevalier) e da ...

“Amiamo troppo fare musica e ...

I King Nun sono una giovane band londinese che si sta facendo rapidamente strada nella scena indie-rock. La loro carriera comincia nel 2016 ...

“Colleziono vinili, ma i ...

The Low Anthem si sono formati nel 2006 e hanno finora pubblicato cinque album. Il prossimo 7 dicembre la band indie-folk di Providence ...