EUPHORIA

 
Tags:
 
di
23 Ottobre 2019
 

Il nuovo “Skins”? Stocazzo.
Il paragone, che viene in mente sin dai primi istanti del trailer, è impietoso. La serie inglese, della quale “Euphoria” vuole essere l’aggiornamento generazionale e americano, era molto più spontanea, distorta, disturbante. Tutto in “Euphoria” appare più laccato, a partire dall’atmosfera drogata, spesso affidata ad effettini e coreografie così citofonate da risultare fasulle anche agli occhi più impressionabili. Anche il politically incorrect è così ostentato e spesso inutile da sembrare messo lì per fare facile scalpore nella puritana America. Le nudità maschili ad esempio, cui vengono dedicate intere carrellate, sono assolutamente gratuite.

Più che una produzione HBO, sembra una serie ad uso e consumo degli spettatori di Netflix. Sebbene possa sembrarlo, questa non vuole essere un’offesa, anzi va dato al colosso via cavo americano di saper giocare molto bene sul territorio del nemico (finale apertissimo, anche un po’ troppo, puntate concepite per essere consumate a flusso continuo). Una serie che viene in mente molto spesso, con la quale condivide la voce narrante e il sottotesto correzionale, è infatti “13 Reasons Why”.

Detto tutto questo, rimangono una narrazione molto avvincente e un cumulo di protagonisti un po’ stereotipati ma interpretati convincentemente, cui è facile affezionarsi. I miei preferiti la Kat di Barbie Ferreira e la deliziosamente svenevole Cassie.

Paese: Stati Uniti d'America
Anno: 2019 – in produzione
Formato: serie TV
Genere: dramma adolescenziale
Stagioni: 1
Episodi: 8
Durata: 54-61 min (episodio)
Lingua originale: inglese
Rapporto: 16:9

Crediti
Narratore: Zendaya
Ideatore: Sam Levinson
Soggetto: Ron Leshem, Daphna Levin, Tmira Yardeni
Sceneggiatura: Sam Levinson

Interpreti e personaggi

Zendaya: Rue Bennett
Maude Apatow: Lexi Howard
Angus Cloud: Fezco
Eric Dane: Cal Jacobs
Alexa Demie: Maddy Perez
 

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

The Laundromat (Panama Papers)

Non che gli ultimi film (numerosi come scoregge dopo una fagiolata) di Steven Soderbergh siano un granchè, ma “The Laundromat” ...

Terminator – Destino oscuro

di Kociss Leardini Chi scrive questa recensione è un grande fan di “Terminator”. Il primo film del 1984 è un capolavoro ...

1994

Non poteva non terminare nel 2011, “1994”. Dopo averne lentamente esplorato l’ascesa nel corso di tre stagioni, il gran ...

Baby

Magari mi sbaglio, ma non credo di aver mai visto una fetenzia simile. Manco Mediaset, sebbene tocca ammettere abbia scarsa conoscenza di ...