LIGHTNING BOLT
Sonic Citadel

[Thrill Jockey – 2019]
7.5
 
Genere: Garage rock, noise rock
 
23 Ottobre 2019
 

I Lightning Bolt tornano a colpire quattro anni dopo “Fantasy Empire”, trasferendosi in una “Sonic Citadel” fatta su misura per le rumorose esigenze di Brian Gibson e Brian Chippendale. I due Brian non si danno per vinti neppure dopo venticinque anni di pericolose evoluzioni sonore e continuano a rintanarsi nei Machines With Magnets studio di Pawtucket (Rhode Island) per registrare un settimo album diverso dal (loro) solito.

Sempre aggressivi, più rock e massicci mettono muscoli cuore e grinta al servizio di ritmi sudatissimi, indiavolati ma meno noise e saturi di distorsione. Quelle di “Sonic Citadel” sono note nude e crude, senza maschere (tranne quelle indossate da Chippendale sul palco). Undici brani potenti con improvvise virate melodiche (“Don Henley In The Park”, “All Insane”) e un’energica inversione a U in “Hüsker Dön’t”: pop e power pop riveduto e corretto dai due Brian (Bob Mould apprezzerebbe).

L’inizio è sfrenato con le tiratissime “Blow To The Head”, “USA Is A Psycho” e “Air Conditioning” tra garage e hardcore, puro istinto messo in musica senza troppi pensieri. Sembrano sempre sul punto di crollare, di sfaldarsi i brani suonati dai Lightning Bolt invece arrivano puntualmente alla fine sul filo della tensione sprigionata da strumenti maltrattati all’infinito come succede in “Big Banger”. “Halloween 3” è un classico live, un’improvvisazione fermata su disco mantenendone l’anima elettrica e disordinata che ritroviamo anche in brani come “Bouncy House”.

Il basso elettrificato di Gibson e la batteria di Chippendale diventano tribali in “Tom Thump” e i nove distortissimi minuti finali di “Van Halen 2049” confermano l’invidiabile forma dei Lightning Bolt. I ritmi alti si adattano di più all’impeto dei due Brian ma è confortante vedere che non hanno perso la voglia di mettersi alla prova, esplorando territori meno familiari.

Credit Foto: Scott Alario

Tracklist
1. Blow To The Head
2. USA Is A Psycho
3. Air Conditioning
4. Hüsker Dön't
5. Big Banger
6. Halloween 3
7. Don Henley In The Park
8. Tom Thump
9. Bouncy House
10. All Insane
11. Van Halen 2049
 
 

The Honeydrips – Here Comes ...

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più ...

Pindar – Backgammon Vol.1 ...

Giusta intuizione quella dei due producer MiK Drake e JaK Turn, bravi a giocare a carte coperte sfruttando l’immaginario simil-Daft Punk e ...

Unruly Girls – Epidemic

Nonostante il prezzo più alto venga pagato sempre dai più deboli, dai più poveri, dagli ultimi – basti guardare all’America ...

Lucio Leoni – Dove Sei, pt.1

Lucio Leoni non è un nome nuovo della scena cantautorale, attivo già da parecchi anni e con un percorso di tutto rispetto fatto di ...

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...