LIGHTNING BOLT
Sonic Citadel

[Thrill Jockey – 2019]
7.5
 
Genere: Garage rock, noise rock
 
23 Ottobre 2019
 

I Lightning Bolt tornano a colpire quattro anni dopo “Fantasy Empire”, trasferendosi in una “Sonic Citadel” fatta su misura per le rumorose esigenze di Brian Gibson e Brian Chippendale. I due Brian non si danno per vinti neppure dopo venticinque anni di pericolose evoluzioni sonore e continuano a rintanarsi nei Machines With Magnets studio di Pawtucket (Rhode Island) per registrare un settimo album diverso dal (loro) solito.

Sempre aggressivi, più rock e massicci mettono muscoli cuore e grinta al servizio di ritmi sudatissimi, indiavolati ma meno noise e saturi di distorsione. Quelle di “Sonic Citadel” sono note nude e crude, senza maschere (tranne quelle indossate da Chippendale sul palco). Undici brani potenti con improvvise virate melodiche (“Don Henley In The Park”, “All Insane”) e un’energica inversione a U in “Hüsker Dön’t”: pop e power pop riveduto e corretto dai due Brian (Bob Mould apprezzerebbe).

L’inizio è sfrenato con le tiratissime “Blow To The Head”, “USA Is A Psycho” e “Air Conditioning” tra garage e hardcore, puro istinto messo in musica senza troppi pensieri. Sembrano sempre sul punto di crollare, di sfaldarsi i brani suonati dai Lightning Bolt invece arrivano puntualmente alla fine sul filo della tensione sprigionata da strumenti maltrattati all’infinito come succede in “Big Banger”. “Halloween 3” è un classico live, un’improvvisazione fermata su disco mantenendone l’anima elettrica e disordinata che ritroviamo anche in brani come “Bouncy House”.

Il basso elettrificato di Gibson e la batteria di Chippendale diventano tribali in “Tom Thump” e i nove distortissimi minuti finali di “Van Halen 2049” confermano l’invidiabile forma dei Lightning Bolt. I ritmi alti si adattano di più all’impeto dei due Brian ma è confortante vedere che non hanno perso la voglia di mettersi alla prova, esplorando territori meno familiari.

Credit Foto: Scott Alario

Tracklist
1. Blow To The Head
2. USA Is A Psycho
3. Air Conditioning
4. Hüsker Dön't
5. Big Banger
6. Halloween 3
7. Don Henley In The Park
8. Tom Thump
9. Bouncy House
10. All Insane
11. Van Halen 2049
 
 

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...

Cub Sport – Like Nirvana

Vengono da Brisbane (Australia) i Cub Sport, tre album alle spalle e una storia ancora più lunga: fondati nel 2010 da Tim Nelson prima col ...

Kid Francescoli – Lovers

Ebbene sì, Kid Francescoli prende il suo moniker proprio dal noto centrocampista uruguyano che negli anni ’90 ha giocato a Cagliari e a ...

Winter – Endless Space ...

Questa volta la nostra Samira Winter fa davvero centro. Il nuovo album della fanciulla di origini brasiliane, ma residente in America, ...