MARK LANEGAN BAND
Somebody’s Knocking

[ Heavenly Records - 2019 ]
6.5
 
Genere: Songwriting, Alt-Rock
 
di
23 Ottobre 2019
 

Stima, rispetto, fino alla devozione ai limiti dell’idolatria: sono tutti sentimenti che con Mark Lanegan possono essere utilizzati senza incorrere in errore, ovviamente con la gradazione del caso.

E l’iperproduttività del cantautore americano non può far altro che essere cosa delle più gradite, in quanto la qualità viene fuori come naturale, in quel che fa.

Non ha bisogno di essere indirizzato, il Nostro, e segue gli impulsi: flirta col post punk e la dark wave (“Letter Never Sent”, “Night Flight to Kabul”, “Gazing from the Shore”), con i beat più labiritintici ed affilati (“Dark Disco Jag”) e con quelli più antalgici ed atmosferici (“Playing Nero”), incalza con le chitarre più sferzanti e lascia che la corrente più stoner, a lui ben conosciuta, lo spinga avanti (“Stitch it Up”).

Questo però forse il vero limite di questo album: va avanti con personalità e passo, innegabili, immarcescibili, da corego navigato tra le trame decadenti che maneggia con assoluta meastria. Ma, stavolta, raramente scende in profondità, in quelle insenature dove egli davvero sa andare e nelle quali sa esplorare e tratteggiare con quell’incedere che – volente o nolente- lo ha già reso leggenda.

Di più, passaggi come “Penthouse High” o “She Loved You” con quel synth anni ‘80 mellifluo, più che riempitivi, sarebbero stati probabilmente evitabili.

Quindi stavolta, non ci mettiamo in ginocchio in adorazione. Almeno, non io. E che non venga frainteso: qualità, gusto e ambientazioni sono di qualità assoluta. Ma pure la scrittura, invece, per quanto coriacea, spietata e in pieno stile Lanegan, non ha però quei picchi di poesia, tra visionario e maledetto come ci ha abituato. E soprattutto, quando il target è così alto, anche le aspettative finiscono per essere alte. A questa tornata, un po’ di amaro in bocca rimane: perché da Mark Lanegan vorremmo sempre il capolavoro, invece ci ritroviamo di fronte “soltanto” ad un altro lavoro di comunque indubbia qualità.

Ad avercene, verrebbe di converso e comunque da dire, di amaro in bocca così.

Tracklist
1. Disbelief Suspension
2. Letter Never Sent
3. Night Flight To Kabul
4. Dark Disco Jag
5. Gazing From The Shore
6. Stitch It Up
7. Playing Nero
8. Penthouse High
9. Paper Hat
10. Name and Number
11. War Horse
12. Radio Silence
13. She Loved You
14. Two Bells Ringing At Once
 
 

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...

Gulino – Urlo Gigante

“Urlo Gigante” è il titolo scelto da Giovanni Gulino, noto come front-man dei Marta Sui Tubi, per il suo album di debutto e ci ...

Fabrizio Tavernelli – Homo ...

Fabrizio Tavernelli, conosciuto per la sua lunga attività musicale iniziata negli anni ’80 alla guida degli En Manque D’Autre e ...

Fiori di Cadillac – Fuori ...

I Fiori di Cadillac tornano a distanza di sette anni dal primo, e unico, disco. Oggi una distanza tale equivarrebbe a considerare “Fuori ...

Huge Molasses Tank Explodes – ...

Milano blindata, come anche il resto d’Italia, e questo è assodato oramai. Il fatto di non dover uscire non è un effettivo problema per ...