NICK DRAKE. SONGS IN A CONVERSATION

 
 
26 Ottobre 2019
 

E’ un viaggio intimo e di classe “Nick Drake – Songs In A Conversation”. Il docufilm girato da Giorgio Testi (già dietro la macchina da presa per Blur, Rolling Stones, Pixies, Savages, Afterhours, di recente Calcutta) segue Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo sulle orme dello sfortunato musicista inglese morto troppo presto lasciando dietro di sé tre album eleganti, maturi, disperati (“Five Leaves Left”, “Bryter Layter” e “Pink Moon”).

Un ricordo affettuoso presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma e in onda su Sky Arte il prossimo 25 novembre, ultima tappa di un percorso iniziato quindici anni fa con “Pongmoon. Sognando Nick Drake” e proseguito nello spettacolo “Way To Blue”. Diversi compagni di strada affiancano la chitarra di Bob e il violino di Rodrigo in questi sessanta minuti di musica e parole. Niccolò Fabi, Manuel Agnelli, Piers Faccini, Andrea Appino e Adele Nigro (Any Other) raccontano il loro Drake: dolce, anomalo, vulnerabile, musicista che ti fa sentire a tuo agio senza essere una star. Scelgono e cantano uno o più brani (non sveleremo quali per non rovinare la sorpresa a chi non ha ancora visto il film).

La musica di Drake viene approfondita con rigore e leggerezza, senza trascurare aspetti tecnici che però non sono mai predominanti. Centrale è il rapporto con la natura, soprattutto nella seconda parte di “Songs In A Conversation” quando il viaggio fin qui metaforico diventa reale. Benedetti da Roberto Pisoni (direttore di Sky Arte) e Stefano Pistolini (autore di “Le provenienze dell’amore. Vita, morte e postmorte di Nick Drake, misconosciuto cantautore inglese, molto sexy”) Angelini e D’Erasmo arrivano a Tanworth-in-Arden, cittadina dove Drake è sepolto e incontrano John Wood storico ingegnere del suono dei suoi dischi registrando con lui qualche brano.

Le riflessioni di Wood sul passato e sul presente chiudono idealmente e con un po’ d’inevitabile nostalgia un tributo ricco di emozioni. Nick Drake viene evocato attraverso la sua musica, non compare mai direttamente (ad eccezione dei secondi finali) ed è forse il modo migliore di ricordarlo. Il sogno di Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo è diventato realtà ed è un gran bel vedere. Dimostra come la musica di Drake sia ormai diventata un patrimonio condiviso da diverse generazioni, un’eredità da preservare e custodire gelosamente.

Paese: Italia
Anno: 2019
Durata: 62 minuti
Prodotto da: Sky Arte, Ushuaia Film, Pulse Film
Interpreti: Roberto Angelini, Rodrigo D'Erasmo, Manuel Agnelli, Piers Faccini, Niccolò Fabi, Andrea Appino, Adele Nigro, John Wood, Stefano Pistolini
 

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

The Laundromat (Panama Papers)

Non che gli ultimi film (numerosi come scoregge dopo una fagiolata) di Steven Soderbergh siano un granchè, ma “The Laundromat” ...

Terminator – Destino oscuro

di Kociss Leardini Chi scrive questa recensione è un grande fan di “Terminator”. Il primo film del 1984 è un capolavoro ...

1994

Non poteva non terminare nel 2011, “1994”. Dopo averne lentamente esplorato l’ascesa nel corso di tre stagioni, il gran ...

Baby

Magari mi sbaglio, ma non credo di aver mai visto una fetenzia simile. Manco Mediaset, sebbene tocca ammettere abbia scarsa conoscenza di ...