65DAYSOFSTATIC
replicr, 2019

[ Superball Music - 2019 ]
6.5
 
Genere: experimental rock, elettronica
 
30 Ottobre 2019
 

Dimenticatevi le chitarre: l’atteso ritorno discografico dei 65daysofstatic è all’insegna dell’elettronica. Non che sia una particolare novità per il quartetto di Sheffield, che sin dagli albori si diverte a mischiare, in un ambiente strumentale, post-rock e suoni sintetici. Il fatto è che nel nuovo “replicr, 2019” del primo elemento non vi praticamente alcuna traccia, a esclusione di qualche spettrale sei corde che svolazza sconsolata sopra desolate lande digitali.

Il lavoro rappresenta una brusca sterzata verso l’IDM, ma di certo non mancano riferimenti al recente passato. Le fantascientifiche “bad age”, “sister” e “interference_1” devono moltissimo alla lezione appresa nel corso delle registrazioni della colonna sonora realizzata per il videogioco “No Man’s Sky”, i cui echi avveniristici e cinematografici si ripercuotono in quasi tutti i quarantadue minuti di “replicr, 2019”.

È il carattere gelido e inumano dell’opera a destabilizzare realmente l’ascoltatore: ogni velleità prettamente musicale viene spazzata via dal desiderio di dar forma a un sound talmente artificiale da sembrar essere il frutto di un computer impazzito. Brani dai titoli impronunciabili quali “gr[]v-_s”, “[]lid” e “u| || | th | r| d” potrebbero benissimo essere stati scritti e registrati da un sistema informatico di generazione automatica, tanto per intenderci.

“replicr, 2019” non è propriamente un album: è una raccolta di frammenti elettronici privi di strutture e melodie facilmente identificabili, tanto suggestivi quanto straordinariamente ostici. Non vi nascondo la verità: la fortissima componente dark ambient del disco potrebbe spaventare – per non dire annoiare – i fan dei 65daysofstatic dei tempi di “One Time For All Time” o “We Were Exploding Anyway”.

La band ha deciso di seguire un altro percorso; l’antico spirito post-rock sopravvive, in minima parte, in un paio di buoni episodi (“stillstellung”, “five waves”) che funzionano perché non rinunciano completamente a quelle che, almeno una volta, erano le peculiarità di questo gruppo. Cosa ci riserverà il futuro? Staremo a vedere. Per ora, siamo in un periodo di transizione. Non entusiasmante.

Tracklist
1. pretext
2. stillstellung
3. d|| tl | | |
4. bad age
5. 05|| | 1|
6. sister
7. gr[]v-_s
8. popular beats
9. five waves
10. interference_1
11. []lid
12. z03
13. u| || | th | r| d
14. trackerplatz
 
 

WIVES – So Removed

La scena musicale di New York è sempre ricca e generosa nel generare e proporre nuove band ed artisti. Numerose realtà si materializzano ...

Blaenavon – Everything That ...

I Blaenavon, avevano negli anni passati catturato l’attenzione di molti e alimentato le speranze di chi si aspettava da loro grandi ...

L’ultimodeimieicani – Ti ...

Più elettrici e indie rispetto al disco d’esordio, L’ultimodeimieicani con “Ti Voglio Urlare” si pongono a metà tra i Canova e gli ...

Andrea Laszlo De Simone – ...

Un salto nel passato, nient’altro. Uno scenario magico, se vogliamo leggermente fiabesco. Lui che finalmente la salva, da un mostro, un ...

Julie’s Haircut – In ...

A distanza di pochi mesi dall’uscita di “Music from the Last Command” tornano con un album nuovo di zecca i Julie’s ...