GREAT GRANDPA
Four Of Arrows

[Big Scary Monsters - 2019]
8
 
Genere: indie-rock,indie-pop
 
30 Ottobre 2019
 

I Great Grandpa sono tornati proprio questo weekend con questa loro sophomore, che arriva a meno di due anni di distanza dal convincente debutto, “Plastic Cough”.

Registrato tra gennaio e giugno 2019, questo nuovo lavoro della band di Seattle è stato prodotto e mixato da Mike Vernon Davis ed esce per la Big Scary Monsters (per la Double Double Whammy negli Stati Uniti).

Dopo la fine del tour del loro disco precedente, la band di Seattle si è separata con i suoi componenti che sono andati a vivere in parti diverse degli Stati Uniti: di conseguenza le canzoni non sono più state scritte insieme come avveniva in passato, ma per la maggior parte dai coniugi Patrick e Carrie Goodwin.

Le conseguenze sono visibili immediatamente: il suono si trasforma abbandonando, pur senza snaturarsi troppo, l’indie-rock con influenze grunge e pop-punk dell’esordio per camminare verso nuovi orizzonti, mentre i testi toccano temi personali e forti come depressione, ansia, morte e divorzio, dando un’ulteriore profondità all’album, grazie anche alla forte emotività della voce della frontwoman Alex Menne.

Iniziamo con il primo singolo “Mono No Aware”, dove fanno l’apparizione brillanti synth: un brano pop riflessivo che parla del morbo di Alzheimer, ma con un coro assolutamente gustoso e catchy e splendide armonie.

“Digger”, invece, si muove su territori indie-folk, ma ci stupisce con i suoi intensi crescendo che fanno sviluppare la canzone in direzioni pop e aggiungono forza emotiva al pezzo.

“Treat Jar” si sposta verso un rock piuttosto adrenalinico, ma trova lo spazio anche per qualche momento più meditativo, mentre “Endling”, piazzato lì proprio nel centro del disco, è una strumentale solo piano che ci rilassa con la sua bellezza.

“Split Up The Kids”, infine, ci dona altre forti emozioni: la sua delicatezza acustica e la sua semplicità gentile, ma mai banale ci portano senza mai forzare verso la fine di questo LP, regalandoci un senso di purezza.

Davvero un lavoro riuscito questo “Four Of Arrows”: non solo segna un grande passo in avanti per i Great Grandpa, facendoci conoscere tante loro nuove facce, ma sa come trasmettere forti sensazioni agli ascoltatori, pur toccando temi delicati. Un album prezioso da sentire più volte e da lasciar entrare nel proprio cuore.

Credit Foto: Ansley Lee

Tracklist
1. Dark Green Water
2. Digger
3. English Garden
4. Mono No Aware
5. Bloom
6. Endling
7. Rosalie
8. Treat Jar
9. Human Condition
10. Split Up The Kids
11. Mostly Here
 
 

WIVES – So Removed

La scena musicale di New York è sempre ricca e generosa nel generare e proporre nuove band ed artisti. Numerose realtà si materializzano ...

Blaenavon – Everything That ...

I Blaenavon, avevano negli anni passati catturato l’attenzione di molti e alimentato le speranze di chi si aspettava da loro grandi ...

L’ultimodeimieicani – Ti ...

Più elettrici e indie rispetto al disco d’esordio, L’ultimodeimieicani con “Ti Voglio Urlare” si pongono a metà tra i Canova e gli ...

Andrea Laszlo De Simone – ...

Un salto nel passato, nient’altro. Uno scenario magico, se vogliamo leggermente fiabesco. Lui che finalmente la salva, da un mostro, un ...

Julie’s Haircut – In ...

A distanza di pochi mesi dall’uscita di “Music from the Last Command” tornano con un album nuovo di zecca i Julie’s ...