NEIL YOUNG & THE CRAZY HORSE
Colorado

[ Reprise - 2019 ]
5
 
Genere: rock
Tags:
 
30 Ottobre 2019
 

Fa un po’ specie constatare come artisti di un certo peso, ma pure di una certa età, sfornino in maniera quasi compulsiva nuovi album di inediti, invadendo un mercato già saturo.
Ma devo ammettere che di fronte a certi nomi, quali Van Morrison o Neil Young, la cosa non dispiace anche se poi ci si accorge che qualche lavoro di troppo, magari non per forza “brutto” ma sicuramente “inutile”, è in effetti stato pubblicato.
Non sorprende quindi che il buon vecchio Neil si presenti con questo nuovo “Colorado”, anche se il primo elemento da sottolineare è il ritorno con i compagni di sempre Crazy Horse assenti dal 2012 e, addirittura, la presenza di Nils Lofgren come featuring aggiuntivo (che, se non ricordo male, è dai remoti tempi di “Tonight’s The Night”, 1975, che non compariva al suo fianco in maniera determinante, escludendo la parentesi di “Trans” del 1982).

Non è il caso quindi di domandarsi se c’era davvero bisogno di un nuovo album di Neil Young, giacchè più che l’elevato numero di uscite, che in realtà anche ai tempi d’oro erano sempre e comunque di una media di una uscita all’anno, è da ammettere che si tratta spesso di progetti estemporanei e non sempre molto ispirati.

Questo ennesimo album è un po’ un ritorno alla zona di comfort assicurata dai Crazy Horse, a cui periodicamente il Nostro fa ritorno, dettata dalla proverbiale e massiccia presenza del muro di chitarre e da lunghe divagazioni strumentali, inframezzate però dalle consuete e intime ballad tipicamente younghiane.
Sono proprio queste ultime (“Think of Me”, “Eternity”, “I Do”), impreziosite spesso dal piano oltre che la consueta armonica a bocca, ad essere gli episodi più riusciti, osservazione che stona con il disco che segna proprio il ritorno dei Crazy Horse.

In definitiva un disco che apparirebbe monocorde e piatto per chi non è avvezzo a seguire Neil in tutte le sue scorribande, un album solamente onesto invece per il fan attento e di lunga data.
Siamo di nuovo quindi ad indicare un nuovo lavoro non “brutto” ma “inutile” e, forse, anche le tematiche ambientaliste, ancora presenti e, a dir il vero, un po’ sconclusionate, iniziano a segnare la corda.

Tracklist
1. Think Of Me
2. She Showed Me Love
3. Olden Days
4. Help Me Lose My Mind
5. Green Is Blue
6. Shut It Down
7. Milky Way
8. Eternity
9. Rainbow Of Colors
10. I Do
11. Rainbow Of Colors (Live in Portland, May 17, 2019)
12. Truth Kills
 
 

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...

Bush – The Kingdom

Diciamolo, certa stampa non è mai stata carina (per usare un eufemismo) con i Bush di Gavin Rossdale. Non era un fatto personale o una ...

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...