ALBUM: CORRIDOR
Junior

 
31 Ottobre 2019
 

In oltre trenta anni di storia della Sub Pop Records, i Corridor sono il primo gruppo francofono a essere stato messo sotto contratto dalla storica etichetta di Seattle: sarà un caso? Difficile che la casa discografica che è stata, insieme ai suoi gruppi, il vero simbolo del grunge, faccia una mossa sbagliata e lo sappiamo bene da ormai tanti anni.

L’occhio lungo della Sub Pop è arrivato fino a Montreal e, poco dopo la firma, il gruppo canadese, già autore di due album, “Le Voyage Éternel” (2015) e “Supermercado” (2017), è entrato in studio per realizzare questo terzo LP, uscito pochi giorni fa.

Scritto e registrato in fretta per rispettare la deadline richiesta dalla loro label, “Junior” trasmette infatti un certo senso di urgenza, ma, anche se non nasconde qualche imperfezione, è assai godibile dalla prima alla decima e ultima canzone.

Un riff di chitarra apre il disco e il suo singolone “Topographe”: gradualmente si aggiungono anche gli altri strumenti e una serie di strati vocali che vanno a creare armonie belle quanto quelle dei Fleet Foxes, ma più gloriose di quelle della band folk-rock di Seattle e accompagnate da un suono indie-pop jangly molto giubilante. Le nostre orecchie iniziano da subito a compiacersi!

La successiva “Junior”, title-track del disco, è un tributo al loro chitarrista Julien Perreault, la vera star della band, nonostante i suoi genitori non siano d’accordo sulla sua scelta di suonare in una band: il tono della canzone è più cupo, mentre il suo suono post-punk ci ricorda quello di alcuni pezzi dei ben più noti connazionali Preoccupations.

Mentre “Grand Cheval” rallenta il ritmo con deliziosi arpeggi accompagnati da qualche leggero tocco dei synth, “Pow”, con la sua melodia e i suoi vocals dolci, torna a farci viaggiare a ritmi elevati, mettendo la voglia di danzare a chi ascolta queste trame pop velate di una leggera psichedelia.

No, “Junior” non è perfetto – lo ripetiamo – ma ha gusti raffinati e variegati da farci provare e noi non possiamo che farci conquistare dalle sue deliziose melodie: ancora una volta la Sub Pop sembra averci visto giusto dunque. Noi, intanto, aspettiamo presto i Corridor anche alla prova live.

 

VIDEO: Julia Bardo – Please ...

Ci piace parecchio la bresciana Julia Bardo e non vediamo l’ora che arrivi il prossimo 6 marzo per ascoltare il suo primo EP, ...

VIDEO: Siv Jakobsen – Fear ...

L’avevamo conosciuta nel 2017 con il suo primo LP, “The Nordic Mellow”, ma ora Siv Jakobsen sta per ritornare con il suo ...

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...