OGGI “AMORICA” DEI BLACK CROWES COMPIE 25 ANNI

 
1 Novembre 2019
 

Rock-blues con ammiccamenti funk, che oscilla tra sonorità più ruvide e ballate che, a loro volta, strizzano l’occhio alle atmosfere country e agli orizzonti rosso fuoco del far west, mentre l’America, quella più viscerale, nel frattempo, si lasciava stordire ed ammaliare dalle fiammate grunge di Seattle. “Amorica” rielaborava e riproponeva la carica degli anni Settanta, spingendola sempre più avanti e permettendo così ai Black Crowes di dare vita al loro energico ed originale groove.

La band era perfettamente in bilico tra un passato ormai perduto ed un presente post-industriale carico di interrogativi e speranze, riuscendo così ad abbracciare diverse generazioni di ascoltatori. Non c’è nulla di definitivo, nulla di assodato, il Tempo non ti regala nulla e spesso sembra quasi divertirsi a prendersi proprio quello a cui tieni di più. Rispetto ai lavori precedenti dei Crowes, quelli che gli avevano dato notorietà, questo è un album più maturo, meno commerciale, che, se da un lato affascina il pubblico, dall’altro lo esorta ad agire, a non restare per sempre attaccato ai propri miti. L’hard-rock non è il fine, ma semplicemente lo strumento con cui realizzare i propri sogni.

Chris Robinson accompagna le divagazioni rock-blues del disco con testi introspettivi, in cui, nonostante sia ancora un ragazzo, si rende conto che è facile perdersi e dimenticare, cadere vittima delle depressione e congelare per sempre le proprie passioni, diventando la brutta copia di sé stesso. La fine, la morte, non sono solo fisiche, ma possono essere anche mentali: tutti possono crollare e ritrovarsi, soli ed emarginati, a vagare in una terra arida.

La soluzione è lasciarsi alle spalle tutto ciò che ha il sapore dell’orgoglio e della vergogna: “another song, another mile”, la musica può estirpare il dolore e la delusione che ci affliggono, può diventare la compagna con cui affrontare questa festa dei folli che è la nostra stessa esistenza.

Le diverse canzoni dell’album scorrono come un fiume, sembra quasi di assistere alla jam perfetta in cui i Crowes riescono a far rivivere l’epoca d’oro dei Led Zeppelin o dei Grateful Dead nel bel mezzo dell’America povera e delusa, sconfitta e malata, emarginata ed abbandonata, che aveva generato ed ispirato band come i Nirvana, i Soundgarden o gli Alice In Chains.

Pubblicazione: 1 novembre 1994
Durata: 54:13
Dischi: 1
Tracce: 11
Genere: Blues-rock
Etichetta: American
Produttore: Jack Joseph Puig, Black Crowes
Registrazione: maggio – agosto 1994

1 – Gone – 5:08
2 – A Conspiracy – 4:46
3 – High Head Blues – 4:01
4 – Cursed Diamond – 5:56
5 – Nonfiction – 4:16
6 – She Gave Good Sunflower – 5:48
7 – P. 25 London – 3:38
8 – Ballad in Urgency – 5:39
9 – Wiser Time – 5:33
10 – Downtown Money Waster – 3:40
11 – Descending – 5:42

 

Oggi “Once Upon a Time” dei ...

Abbiamo recentemente analizzato le origini post-punk di uno dei gruppi pop di maggior successo degli anni ’80, i Simple Minds di Jim ...

Oggi “Boy” degli U2 ...

“Boy”, il primo disco degli U2, è il disco dell’adolescenza ed anche dell’innocenza, espressa dagli occhi di Peter ...

Oggi “Love” dei The ...

Ho spesso associato l’ascolto di “Love” con almeno altri quattro dischi ovvero “The Crossing” dei Big Country, “Strenght” ...

Oggi “Chocolate Star Fish and ...

Irriverenti, puerili, volgari, stupidi, ripetitivi… queste le principali accuse mosse al quintetto di Jacksonville, Florida che a ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...