THE MUFFS
No Holiday

[Omnivore Recordings – 2019]
8
 
Genere: Indie Rock
 
1 Novembre 2019
 

La morte di Kim Shattuck ad appena cinquantasei anni, conseguenza della sclerosi laterale amiotrofica di cui soffriva, getta una strana nostalgica luce su “No Holiday” primo album dei suoi The Muffs in cinque anni. Disco postumo che non doveva essere tale, a cui la Shattuck si è dedicata anima e corpo, raccoglie brani scritti dal 1991 al 2017 abbracciando tutta la carriera di una musicista che non ha mai avuto paura di esprimere la propria opinione, spesso controcorrente.

L’affetto e l’affiatamento tra il bassista Ronnie Barnett, il batterista Roy McDonald e Kim Shattuck è chiaro, evidente e cristallino in questi quarantaquattro minuti di musica rabbiosa, dolce e per nulla arrendevole. E’ fatto di attimi, momenti da ricordare “No Holiday”.

Kim Shattuck che si schiarisce la voce prima dell’inizio di “Too Awake, l’orecchiabilità scanzonata di “Sick Of This Old World”, “Pollyanna”e “Earth Below Me”. Il ritornello di “Down Down Down” urlato con gioia punk, la grintosa melodia di “Late And Sorry”, “The Kids Have Gone Away” e il pensiero corre a “Kids in America” amata / odiata cover del brano di Kim Deal che ad oggi resta purtroppo l’unico successo “mainstream” dei The Muffs.

La voce di Kim Shattuck è roca, sofferente ma fiera. Coraggiosa quando passa da ritmi più sostenuti a brani riflessivi come “A Lovely Day Boo Hoo” o completamente acustici (“The Best”, “Sky”) divertendosi spesso con armonie ben orchestrate (“To That Funny Place”). Il lato più rock dei The Muffs si esprime appieno in “You Talk And You Talk”, “Lucky Charm”, “On My Own” oltre alla già citata “The Kids Have Gone Away”.

Assurdo pensare che solo nel 2014 con “Whoop Dee Doo” siano tornati a gustare quel briciolo di successo oltreoceano che avevano appena assaggiato a metà anni novanta con “Lucky Guy”, “Big Mouth” e “Sad Tomorrow”. Fortunatamente l’affetto del pubblico non è mai mancato.

“No Holiday” trova tranquillamente posto a fianco di “The Muffs”, “Blonder And Blonder”, “Happy Birthday To Me” e il legame tra passato e presente è rafforzato dalla presenza di Karen Basset dei The Pandoras (altra band in cui Kim ha militato) di Kristen Shattuck ai backing vocals e di Melanie Vammen (che faceva parte della formazione originaria dei The Muffs) alle tastiere. L’inchino finale, il canto del cigno di una band allergica ai compromessi.

Credit foto: Kim Shattuck

Tracklist
1. That’s For Me
2. Down Down Down
3. No Holiday
4. Earth Below Me
5. A Lovely Day Boo Hoo
6. Late And Sorry
7. The Best
8. Pollyanna
9. Sick Of This Old World
10. To That Funny Place
11. You Talk And You Talk
12. Happier Just Being With You
13. Lucky Charm
14. On My Own
15. Too Awake
16. Insane
17. The Kids Have Gone Away
18. Sky
 
 

WIVES – So Removed

La scena musicale di New York è sempre ricca e generosa nel generare e proporre nuove band ed artisti. Numerose realtà si materializzano ...

Blaenavon – Everything That ...

I Blaenavon, avevano negli anni passati catturato l’attenzione di molti e alimentato le speranze di chi si aspettava da loro grandi ...

L’ultimodeimieicani – Ti ...

Più elettrici e indie rispetto al disco d’esordio, L’ultimodeimieicani con “Ti Voglio Urlare” si pongono a metà tra i Canova e gli ...

Andrea Laszlo De Simone – ...

Un salto nel passato, nient’altro. Uno scenario magico, se vogliamo leggermente fiabesco. Lui che finalmente la salva, da un mostro, un ...

Julie’s Haircut – In ...

A distanza di pochi mesi dall’uscita di “Music from the Last Command” tornano con un album nuovo di zecca i Julie’s ...