OGGI “EMOTIVE” DEGLI A PERFECT CIRCLE COMPIE 15 ANNI

 
2 Novembre 2019
 

Il 2 Novembre del 2004 George W. Bush venne eletto, per la seconda volta, presidente degli Stati Uniti d’America; secondo alcuni approfittando di alcune anomalie in Ohio, il popoloso stato del Midwest, che finì nelle mani dei repubblicani, dopo che circa 357mila votanti – probabilmente a maggioranza democratica – non potereno votare o videro annullato il proprio voto. Ancora oggi i sostenitori dei due partiti, almeno quelli più radicali, parlano da un lato di usurpazione e dall’altro di stupide teorie complottiste.

Nello stesso giorno gli A Perfect Circle pubblicano “eMOTIVe”, un album di cover. Maynard James Keenan non aveva mai nascosto la sua avversione per il presidente uscente. E così “Imagine” di John Lennon, inno utopico ad un mondo migliore, finalmente liberato dai fantasmi che hanno, spesso, provocato solo guerre e sofferenze, soprattutto alle persone più deboli, fragili ed emarginate, si veste di drammatica oscurità, quasi a voler rimarcare il fatto che avevamo avuto un’occasione, ma l’abbiamo sprecata, affidando il controllo del nostro paese e delle nostre vite all’uomo sbagliato; un uomo che non esiterà a riportarci al fronte, a costruire nuovi e minacciosi nemici, col solo scopo di tenerci buoni ed impauriti, mentre lui ed i suoi amici saranno liberi di fare i loro sporchi affari e spartirsi il mondo.

Questo non è l’album più acclamato degli A Perfect Circle, le canzoni vengono rivoltate da cima a fondo, diventano estranee ed irriconoscibili, sposano a pieno quelli che sono gli umori nefasti ed apocalittici della band: “People Are People” dei Depeche Mode, ad esempio, viene caricata come una molla pronta a scattare; le atmosfere rarefatte si trasformano in un fumo così denso, che l’aria diviene irrespirabile e per quanto le persone possano dannarsi, non troveranno mai l’agognata serenità ed andranno, inevitabilmente, a finire tutte tra le fauci del lupo.

La resa è espressa dalla scelta di stravolgere il nostro passato, di trasformare la purezza delle canzoni originali in qualcosa di morboso ed infetto, mettendo a nudo tutto il torbido che si nasconde dietro i finti sorrisi e le frasi di circostanza.

Ipocrisia, finzione, bugie… perché non proporre, allora, un album di cover?

Pubblicazione: 2 novembre 2004
Durata: 48:13
Dischi: 1
Tracce: 12
Genere: Alternative-rock
Etichetta: Virgin Records
Produttore: Billy Howerdel, Maynard James Keenan
Registrazione: 2004

1 – Annihilation – 2:14
2 – Imagine – 4:48
3 – Peace, Love and Understanding – 5:04
4 – What’s Going On – 4:54
5 – Passive – 4:10
6 – Gimmie, Gimmie, Gimmie – 2:19
7 – People Are People – 3:43
8 – Freedom Of Choice – 2:59
9 – Let’s Have a War – 3:28
10 – Counting Bodies Like Sheep to the Rhythm of the War Drums – 5:36
11 – When the Levee Breaks – 5:55
12 – Fiddle and the Drum – 3:08

 

Diamo un’occhiata alla ristampa ...

L’archivio di Paul McCartney non è vasto e profondo come quello di Neil Young ma si difende piuttosto bene, regalando ogni tanto ...

Oggi “It’s Great When ...

Ci sono dei dischi che hanno già vinto solo con il titolo. Questo esordio dei Black Grape è uno di questi. Una band capitanata da Shaun ...

The Other Side: Fontaines D.C. – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Suburbs” ...

Il terzo disco è spesso quello che indirizza il giudizio retrospettivo su tutte quelle band che hanno disgraziatamente avuto la sventura di ...