MIKAL CRONIN
Seeker

[Merge - 2019]
8
 
Genere: indie-rock,alt-rock
 
4 Novembre 2019
 

Mikal Cronin lo conosciamo da parecchi anni e le sue collaborazioni con altri artisti nel corso degli anni sono state molteplici: oltre a suonare in numerosi gruppi, il musicista californiano è principalmente occupato nel ruolo di bassista nella band di Ty Segall: non ci pare per nulla strano, quindi, che dalla pubblicazione del suo terzo album, “MCIII”, siano passati ben quattro anni, ma siamo contenti quando, nel suo poco tempo libero, riesce a realizzare qualche lavoro a suo nome.

Questo “Seeker”, uscito nel weekend per la sempre prestigiosa Merge Records, è stato registrato e mixato nel dicembre dello scorso anno da Jason Quever (Papercuts) ai Palmetto Studios di Los Angeles e vede la partecipazione della Freedom Band di Ty Segall.

Scritte in una baita nel sud della California, durante un periodo di isolamento, servito per riprendersi dalla fine di una relazione sentimentale e dal blocco dello scrittore, le dieci canzoni che compongono il suo nuovo lavoro presentano differenze dall’indie-rock melodico e facilmente memorizzabile dei suoi ultimi lavori solisti.

Il disco si apre con “Shelter”, che seppur rumorosa e piena di influenze classic-rock, ha comunque vocals morbidi, percussioni tribaleggianti e ottimi arrangiamenti di archi, che la impreziosiscono.

“I’ve Got Reason”, invece, unisce toni gentili e influenze psichedeliche a momenti garage-rock più incazzati con un basso molto esplosivo (cortesia nientemeno che di Ty Segall), mentre la precedente “Sold” vede il multistrumentista californiano al piano per oltre due minuti, prima dell’entrata anche gli altri strumenti: una bella ballata, passionale e dall’elevata intensità emotiva.

“Guardian Well” ha una strumentazione molto curata e ricca – da segnalare l’iniziale armonica che sa tanto di Neil Young e Tom Petty – e non nasconde le sue influenze di rock a stelle e strisce: anche qui la passione è viva e colpisce duro l’ascoltatore.

“On The Shelf” chiude il disco con chitarra e voce in modo elegante, sincero e forse un po’ troppo poppy, ma tenero.

“Seeker” è un disco che vede Mikal Cronin trasformarsi rispetto al passato, creando sonorità spesso più ricercate rispetto al passato: forse non tutti i fan potranno apprezzare il suo ecclettismo, ma questo suo sforzo rende il suo quarto LP un lavoro davvero interessante e soddisfacente. Promozione a pieni voti per il musicista californiano.

Photo Credit: Smial

Tracklist
1. Shelter
2. Show Me
3. Feel It All
4. Fire
5. Sold
6. I’ve Got Reason
7. Caravan
8. Guardian Wall
9. Lost A Year
10. On The Shelf
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...