HALF MOON RUN
A Blemish In The Great Light

[Glassonote - 2019]
7
 
Genere: indie-folk,indie-rock,synth-pop
 
6 Novembre 2019
 

Ci sono sempre piaciuti gli Half Moon Run e li seguiamo fin dal loro esordio sulla lunga distanza, “Dark Eyes” (2012): nel weekend la band indie-folk canadese è finalmente tornata con questo suo terzo LP, che arriva a quattro anni esatti di distanza dal precedente, “Sun Leads Me On”.

Prodotto da Joe Chiccarelli (Frank Zappa, Spoon, The Shins), il nuovo disco, pur partendo da solide basi folk, sempre presenti nei dischi degli Half Moon Run, prova anche a sperimentare in più di una canzone, aggiungendo qualche synth e creando atmosfere diverse da quelle che ci si poteva aspettare da loro.

Il primo singolo che ha anticipato la nuova uscita, “Then Again”, apre i giochi: dopo un inizio semplice e rilassato dalle influenze folk, aggiunge ulteriori strumenti (tra cui il violino) al mix, che aiutano ad aumentare il livello di intensità emotiva della canzone.

La successiva “Favourite Boy”, invece, è indice dei primi cambiamenti: non ci sono solo deliziose armonie e ottime sensazioni melodiche, ma anche synth scintillanti ed eleganti che ci riportano indietro di oltre 30 anni e aggiungono un tocco di nostalgia alla musica della formazione di Montreal.

Il discorso prosegue anche in “Jello On My Mind”, gradevole e solare, che ci fa fare un altro tuffo verso gli anni ’80, mentre “Yani’s Song” sa come mettere in evidenza i sentimenti grazie a un ottimo uso delle armonie: qui la strumentazione rimane semplice – solo chitarra e mandolino – e serve a lasciare in risalto le voci.

Non possiamo, infine, non citare “Undercurrents”: sebbene la sua durata superi di poco i due minuti, questa traccia strumentale, composta con il solo aiuto del piano, sa come entrare immediatamente nei cuori di chi l’ascolta.

Un album positivo e capace di trasmettere forti sentimenti e, in alcuni casi, di spostare gli orizzonti musicali del gruppo canadese: un ritorno gradito per gli Half Moon Run.

Photo Credit: Yani Clarke

Tracklist
1. Then Again
2. Favourite Boy
3. Flesh And Blood
4. Natural Disaster
5. Black Diamond
6. Yani’s Song
7. Razorblade
8. Undercurrents
9. Jello On My Mind
10. New Truth
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...