OMNI
Networker

[Sub Pop - 2019]
7.5
 
Genere: post-punk,indie-rock
 
6 Novembre 2019
 

Nel weekend è uscito il terzo album degli Omni: dopo aver realizzato due LP su Trouble In Mind, “Deluxe” (2016) e “Multi-Task” (2017), il gruppo di Atlanta arriva al suo debutto per la prestigiosa Sub Pop Records.

Registrato a Vienna, Georgia, il nuovo disco è stato prodotto dalla stessa band statunitense insieme al loro collaboratore di lunga data Nathaniel Higgins.

Pur non allontanandosi troppo dal loro post-punk con influenze degli anni ’70 e ’80, gli Omni dimostrano significativi segni di progressione grazie soprattutto a un ottimo lavoro in fase di produzione, che rende il loro suono più pulito e brillante.

Un esempio di ciò puo’ essere “Moat”: nei suoi due minuti scarsi dall’atmosfera cupa si possono sentire i riff della chitarra aggressiva e determinata di Frankie Broyles, ma allo stesso tempo si puo’ trovare anche un’attitudine pop nei vocals del bassista Philip Frobos.

Anche la successiva “Underage” contiene elementi post-punk, ma l’aggiunta di ottimi synth crea un’atmosfera di relax e spensieratezza che arriva davvero gradita.

La leggerezza della cortissima “Blunt Force” (poco più di un minuto e mezzo) regala momenti sperimentali e influenze proveniente dal mondo del jazz, mentre la title-track “Networker” viaggia con una notevole dose di spensieratezza grazie a una produzione elegante e a synth molto piacevoli, che la rendono ancora più leggera.

Mezz’ora piacevole che ci mostra come gli Omni sono capaci di rileggere le loro influenze post-punk in una chiave assolutamente attuale e rinnovata: un altro centro per la Sub Pop!

Photo Credit: Emily Frobos

Tracklist
1. Sincerely Yours
2. Courtesy Call
3. Moat
4. Underage
5. Skeleton Key
6. Genuine Person
7. Present Tense
8. Blunt Force
9. Flat Earth
10. Networker
11. Sleep Mask
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...