ALBUM: SOMEHOW
Low Tide

 
7 Novembre 2019
 

Il disco del francese Erwan Pépiot poteva essere un tracollo, più che altro nelle intenzioni. Si definisce infatti un incrocio tra suoni alla Joy Division e Belle & Sebastian. Detta così lo si potrebbe già etichettare come megalomane e pretenzioso.

Poi per fortuna è la musica che parla e il suo approccio indie-pop si dimostra decisamente naïf, spigliato e movimentato.

Certo il suo tono di voce è profondo, il basso certe volte emerge con un anima post-punk (il brano “Modern Life” ad esempio), ma siamo sicuramente più sul versante B&S (ma in veste lo-fi), con queste chitarre che sanno essere leggere e l’uso di una voce femminile (Aurélie Tremblay) che ammorbisce molto i toni e li rende più leggeri e accattivanti. Quello che piace, come facevo notare prima, è la vivacità dell’opera, che lavora bene sulle melodie e sul lato incalzante, con piccoli ma colorati particolari in fase di arrangiamento che danno maggior brio al tutto. Insomma un disco che ci piace e che consigliamo.

 

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

WIVES – So Removed

La scena musicale di New York è sempre ricca e generosa nel generare e proporre nuove band ed artisti. Numerose realtà si materializzano ...

Blaenavon – Everything That ...

I Blaenavon, avevano negli anni passati catturato l’attenzione di molti e alimentato le speranze di chi si aspettava da loro grandi ...

L’ultimodeimieicani – Ti ...

Più elettrici e indie rispetto al disco d’esordio, L’ultimodeimieicani con “Ti Voglio Urlare” si pongono a metà tra i Canova e gli ...

Andrea Laszlo De Simone – ...

Un salto nel passato, nient’altro. Uno scenario magico, se vogliamo leggermente fiabesco. Lui che finalmente la salva, da un mostro, un ...