ALLAH-LAS
LAHS

[ Mexican Summer - 2019 ]
7.5
 
Genere: Psychedelic rock, Garage rock
Tags:
 
8 Novembre 2019
 

Gli  Allah-Las sono tornati. Il nuovo album della band, “LAHS”, arriva via Mexican Summer, anticipato dal singolo “In the Air”. Riconosciuti oggi come uno dei gruppi più influenti dello psychedelic garage rock, gli Allah-Las riemergono dal silenzio discografico a distanza di tre anni dall’ultimo disco “Calico” (2016).

A dare il colpo di cannone iniziale ci pensa “Holding Pattern”, un gran bel pezzo dalle vibrazioni psichedeliche, immerso in una bolla di relax. Il brano perfetto per godersi le giornate soleggiate d’inizio autunno. Segue “Keeping Dry”, molto più giocosa e trascinatamente funky. Da inserire immediatamente nella playlist del prossimo roadtrip.

“In the Air” è un parcogiochi per adulti che ribolle di vita. Tour in elicottero, cappellini con visiera, cocktails, felci ed un giretto in mongolfiera sono solo alcuni dei tasselli che compongono il video del singolo scelto per presentare “LAHS” al mondo. Il pezzo è un frutto polposo, una raccolta di ritmi spensierati che emanano splendenti raggi di sole californiano.

Con “Prazer em te Conhecer”, “Royal Blues” e “Pleasure” gli Allah-Las decidono di aprire un nuovo capitolo e di sperimentare con altre lingue, cimentandosi, in questo caso, con il portoghese e lo spagnolo. Segue l’instrumental “Roco Ono” un buon interludio che crea una solida base per l’introduzione del pezzo segue, la vetta notturna del disco: “Star”.

“Electricity”, invece, presenta al pubblico il nuovo potenziale motivetto per tutti gli ascensori di LA. Una canzoncina dai riflessi anni ’60 che resta in mente e non se ne va via facilmente.

“On Our Way” e “Polar Onion” sono due brani strabiliantemente lontani dalla classica etichetta attribuita alla musicalità della band. Un viaggio d’esplorazione riuscitissimo, dettato da uno slancio, più che naturale, verso altri orizzonti. Due gran belle gemme.

“LAHS” è, senza dubbio, uno scrigno che custodisce tante cose preziose. Prima fra tutte l’abilitá della band di creare un disco che è un unico flusso solido e armonioso. Non ci sono passi falsi, ma solo movimenti fluidi e convincenti da parte di un gruppo che ha iniziato a guardarsi attorno e ad uscire dal proprio genere.

Gli Allah-Las forgiano “LAHS” nell’oro di quella che chiamano casa, ma non dimenticano il bagaglio ricco ed eterogeneo che i vari tour on the road gli hanno regalato.  Il risultato è un album che brilla sfacciatamente, ed è perfetto così.

Tracklist
1. Holding Pattern
2. Keeping Dry
3. In The Air
4. Prazer Em Te Conhecer
5. Roco Ono
6. Star
7. Royal Blues
8. Electricity
9. Light Yearly
10. Polar Onion
11. On Our Way
12. Houston
13. Pleasure
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...