TERMINATOR
Destino oscuro

 
Tags:
 
di
10 Novembre 2019
 

di Kociss Leardini

Chi scrive questa recensione è un grande fan di “Terminator”. Il primo film del 1984 è un capolavoro visionario: non per nulla, da qualche anno gli scienziati studiano i pericoli derivanti dallo sviluppo di quell’intelligenza artificiale, che – al pari di ‘Skynet ‘– potrebbe arrivare prima o poi a prendere decisioni autonome.
“Terminator 2 Judgment Day” era meno fanta-horror e più action movie: e, anche in questo caso, James Cameron è stato pioniere, stavolta degli effetti speciali, con l’ancora oggi insuperato T-1000 di metallo liquido.
Il franchise è poi continuato con il tremendo terzo episodio, ricordabile solamente per la bellissima Kristanna Loken. Il quarto “Terminator” è stato “Salvation”: bistrattato da critica e fan, fu in realtà un’ottima pellicola, coerente con la linea narrativa di questa pietra miliare della science fiction. Ricordo che “Genisys”, il quinto film, mi fece uscire arrabbiatissimo dal cinema: i primi venti meravigliosi minuti furono seguiti da una accozzaglia di spara spara, banalità e incoerenze fino alla fine dell’episodio.
Anche stavolta, e per l’ennesima volta, sono entrato a vedere “Terminator” con aspettative alte. D’altronde, nell’occasione avevamo il ritorno sia di Cameron (come produttore) che di Linda Hamilton. Che dire? Dark Fate è un ottimo film, un sequel coerente dei primi due lungometraggi, anche se per noi fan è difficile scordare cosa c’è stato in mezzo, e non solamente per la delusione. Bene la sceneggiatura, bravi gli attori, ottimo Tim Miller alla regia, tantissima azione, effetti spettacolari. A proposito, all’inizio del film si vedono i protagonisti di “Judgment Day” così com’erano vent’anni fa, in nuove scene: il deepfaking dei volti è qualcosa che toglie il fiato da tanto è realistico. Fa davvero pensare che tra pochi anni si potranno rendere eterni gli attori, permettendo loro di recitare anche da morti.

Eppure, c’è un ma. Come ho scritto sopra, i primi due “Terminator” erano troppo avanti e ciò che si vede in “Dark Fate”, a volte sa di deja vu: Grace (Mackenzie Davis) è una umana potenziata, venuta dal futuro per difendere la nuova futura paladina dell’umanità; ok, ma anche Marcus Wright (interpretato da Sam Worthington in “Salvation”) lo era. Cameron vuole che dimentichiamo gli episodi dopo il secondo; ma noi non possiamo: li abbiamo visti e – al contrario dei suoi eroi – ci è precluso viaggiare nel passato. Anche per quanto riguarda la macchina-villain, e cioè il terribile REV-9 (Gabriel Luna), non c’è sorpresa. E, nel caso specifico, è “colpa” dello stesso Cameron, perché il T-1000 di “Judgment Day”, a ventotto anni di distanza, resta comunque il cyborg più letale. Al contrario, stavolta gli sceneggiatori hanno evitato di coprire Arnold Schwarzenegger di ridicolo: il T-800 ridotto a macchietta negli episodi 3 e 5, oggi è un robot che ha sviluppato una propria personalità ed autonomia (come successe a ‘Skynet’, del resto) e che va umilmente a supportare il cast dei buoni tutto femminile in onore del #metoo.

Sempre sull’onda del politicallycorrect è da citare anche l’ambientazione a cavallo del confine Texas-Messico, in ricordo delle disgrazie dei migranti, che qui però sono semplici comparse: per loro non paiono esserci né speranza, né redenzione. Una menzione speciale, infine, per Linda Hamilton: in un film troppo orientato all’azione e poco all’analisi delle pieghe del futuro, l’interprete di Sarah Connor viene un po’ compressa all’interno della trama, ma per chi come me l’ha vista per la prima volta nel 1984, è meraviglioso vedere come questa splendida donna si sia mantenuta bella e vitale, pur senza mai varcare la porta del chirurgo plastico. E’ anziana, ma tra le sue rughe si vedono la vita vera e trentacinque anni di grandi ricordi.

Titolo originale: Terminator: Dark Fate
Lingua originale: inglese, spagnolo
Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Cina
Anno: 2019
Durata: 128 min
Genere: azione, fantascienza, avventura
Regia: Tim Miller
Soggetto: James Cameron, Charles Eglee, Josh Friedman, David S. Goyer, Justin Rhodes
Sceneggiatura: David S. Goyer, Justin Rhodes, Billy Ray
Produttore: James Cameron, David Ellison
Produttore esecutivo: Edward Cheng, Bonnie Curtis, Dana Goldberg, Don Granger, John J. Kelly, Julie Lynn
Casa di produzione: 20th Century Fox, Skydance Media, Paramount Pictures, Tencent Pictures, Lightstorm Entertainment
Distribuzione in italiano: 20th Century Fox
Fotografia: Ken Seng
Montaggio: Julian Clarke
Effetti speciali: Neil Corbould
Musiche: Junkie XL
Scenografia: Sonja Klaus
Costumi: Ngila Dickson

Interpreti e personaggi

Linda Hamilton: Sarah Connor
Arnold Schwarzenegger: T-800 / Carl
Mackenzie Davis: Grace
Natalia Reyes: Daniella "Dani" Ramos
Diego Boneta: Diego Ramos
Gabriel Luna: Rev-9
 

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...

The Laundromat (Panama Papers)

Non che gli ultimi film (numerosi come scoregge dopo una fagiolata) di Steven Soderbergh siano un granchè, ma “The Laundromat” ...

1994

Non poteva non terminare nel 2011, “1994”. Dopo averne lentamente esplorato l’ascesa nel corso di tre stagioni, il gran ...

Baby

Magari mi sbaglio, ma non credo di aver mai visto una fetenzia simile. Manco Mediaset, sebbene tocca ammettere abbia scarsa conoscenza di ...

Nick Drake. Songs In A ...

E’ un viaggio intimo e di classe “Nick Drake – Songs In A Conversation”. Il docufilm girato da Giorgio Testi (già dietro la ...