CIGARETTES AFTER SEX
Cry

[ Partisan - 2019 ]
6.5
 
Genere: Dream-Pop, Slowcore, Ambient-Pop
 
13 Novembre 2019
 

I Cigarettes After Sex pubblicano un nuovo album, “Cry”, che rientra a pieno in quello che è il loro mondo crepuscolare e melodico, non spostandosi di un passo dalle sonorità e dalle atmosfere dei loro primi lavori. Una scelta che può essere giusta dal punto di vista commerciale, ma che lascia un po’ d’amaro in bocca a tutti quelli che avrebbero voluto vedere la band di Greg Gonzalez mettersi in discussione, semmai provando con qualche arrangiamento più cattivo, anche se le loro sonorità ambient e dream-pop restano, comunque, suadenti e capaci di fare presa sul pubblico. Grande semplicità, ma anche grande capacità nell’assorbire gli umori delle persone comuni, quelle che potresti incontrare ogni giorno in metro o per strada.

Anche dal punto di vista tematico la band americana sembra trovarsi a proprio agio soprattutto quando si parla d’amore e di come il tempo influenzi i rapporti umani, rendendoci più vulnerabili. Una vulnerabilità che, da un lato, ci spinge a cercare il sostegno del prossimo e dall’altro ci vuole chiusi e blindati in un mondo in cui tutto è passato, tutto è già accaduto, tutto può essere contenuto nei limitati contorni di una foto in bianco e nero.

L’angoscia è mitigata solo in parte dalla passione, dal sapore della carne e del sesso, da tutto ciò che accade dentro di noi, a livello emotivo e non solo, quando tocchiamo la persona che sentiamo di amare. Il romanticismo decadente, le immagini che si susseguono al rallentatore, la capacità di raccontare ogni storia come un film in bianco e nero, sono i punti di forza dei Cigarettes After Sex e di “Cry”, ma allo stesso tempo – se non vi sarà evoluzione – rischiano di essere la loro pietra tombale, soprattutto se la band trapiantata nella più consona New York dal solare Texas, non introdurrà nuovi elementi con cui poter espandere la propria proposta musicale e concettuale.

Credit Foto: Shervin Lainez

Tracklist
1 .Don't Let Me Go
2. Kiss It Off Me
3. Heavenly
4. You're the Only Good Thing in My Life
5. Touch
6. Hentai
7. Cry
8. Falling in Love
9. Pure
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.indieforbunnies.com/home/wp-content/plugins/disqus-recent-comments-widget/disqus_recent_comments_widget.php on line 368

Recent Comments