GRAHAM COXON
The End Of The Fucking World 2 (Original Songs & Soundtrack)

[Autoprodotto – 2019]
7.5
 
Genere: Indie Rock
 
20 Novembre 2019
 

Graham Coxon torna sul luogo del “delitto” e compone la colonna sonora della seconda stagione di “The End Of The Fucking World”. La serie realizzata da Jonathan Entwistle e Charlie Covell, ispirata all’omonima graphic novel di Charles S. Forsman è stata un inaspettato successo l’anno scorso quando dopo un passaggio sulla TV inglese è approdata su Netflix.

Le avventure dell’improbabile coppia formata da James (Alex Lawther) e Alyssa (Jessica Barden) hanno tenuto il pubblico incollato agli schermi di tablet e PC grazie a un finale cruento e apertissimo. Il destino di James dopo quel colpo di pistola che forse l’aveva ucciso forse no è stato un tormentone su cui la Covell e gli autori hanno ricamato in abbondanza, stimolando l’hype fino all’uscita di queste otto nuove puntate.

L’umorismo dark che tanto aveva affascinato Coxon c’è ancora ma la storia è più lineare e la colonna sonora si adegua alle esigenze di sceneggiatura. Graham fa il suo dovere e si diverte, regalando brani d’impatto come il blues spettrale di “Down To The Sea”, il garage pop di “Madder Than Me” e l’acustica pizzicata in “Mash Potato” che sembra quasi un omaggio a Daniel Johnston. Diversi i brani strumentali (tra i tanti spicca la fischiettante e quasi morriconiana “Dining Room Stand Off”) che si alternano a canzoni più definite e strutturate. Gli archi di “A Better Beginning” sono senza dubbio una delle intuizioni più riuscite.

Coxon scrive una colonna sonora dall’indole meno indie e più vicina al western metropolitano rispetto alla prima stagione, senza rinunciare all’ironia ma introducendo momenti melodici (sentirlo al banjo in “Something Sweet” già di per sé vale l’ascolto) distorti e sperimentali come il singolo “She Knows”, “Beautiful Bad” o “Bonnie The Kid”. Un cambiamento in parte obbligato vista la necessità di adattarsi al tono delle altre canzoni presenti in una soundtrack ricca di artisti come Nancy Wilson, Scott Walker, Buffy Sainte-Marie, The Dubs o Irma Thomas.

Gli originali suonati da Coxon non sfigurano affiancati ai brani scelti con cura da Jonathan Entwistle e il chitarrista dei Blur pare trovarsi sempre più a suo agio nei panni di crooner vulnerabile, dolce e tormentato (“Meaner Than The Sea” lo dimostra) accompagnando la serie a quella che sembra la sua naturale conclusione visto che Charlie Cowell ha escluso di voler scrivere una terza stagione.

Credit foto: Graham Coxon, By XoxoHell – Flickr [CC BY 2.0]

Tracklist
1. Down To The Sea
2. Dining Room Stand-Off
3. Madder Than Me
4. Mash Potato
5. A Better Beginning
6. Bonjour, Monsieur
7. Bonnie The Kid
8. Hat
9. Beautiful Bad
10. I’ll Race You Home
11. Layby Eyes
12. This Time Tomorrow
13. She Knows
14. Something Sweet
15. Wedding March
16. Fly Away
17. Threw It Away
18. Why Are You Crying?
19. Meaner Than The Sea
20. Vale
 
 

Subsonica – Microchip ...

di Cassandra Enriquez Ci eravamo quasi abituati a questa assenza dei Subsonica, da sempre iper produttivi e onnipresenti, ma da quattro anni ...

Bombay Bicycle Club – ...

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a ...

Joe D. Palma – Tutto Ok.

di Cassandra Enriquez Dopo l’EP di debutto nel 2017, due anni di tour in giro per l’Italia, condendo il tutto con aperture per Frah ...

Klippa Kloppa – Liberty

Attivi da tantissimi anni (il loro primo album ufficiale, targato Snowdonia, risale al 2003), i campani Klippa Kloppa nel loro lungo ...

Longwave- If We Ever Live Forever

Bisogna fare un piccolo sforzo, spremerci un pochino le meningi per ricordarci dei Longwave. Il loro ultimo album “‘Secrets Are ...