9, 10 E 11 DICEMBRE: “I GOONIES” TORNANO AL CINEMA DOPO 35 ANNI.

 
Tags:
 
22 Novembre 2019
 

La prossima volta che vedrai il cielo, sarà quello di un’altra città. La prossima volta che farai un esame, lo farai in un’altra scuola. I nostri genitori hanno sempre fatto quello che è giusto per noi. Ma adesso devono fare quello che è giusto per loro. Perché è il loro momento, il loro momento, lassù. Ma qua sotto è il nostro momento. È il nostro momento qua sotto. E finirà tutto nell’istante in cui salteremo dentro questo secchio“.

Nei 3 giorni di dicembre tra il 9 e l’11 non saremo reperibili per nessuno e niente potrà impedirci di andare al cinema, tutti, richiamati da una specie di codice che ci accomuna, personale, distintivo, unico. I Goonies tornano sul grande schermo dopo trentacinque anni e noi non tradiremo la fiducia di Willie l’Orbo. Come faccio a parlare di un film che non è un film, ma qualcosa che va oltre la semplice storia per ragazzi? Come faccio ad astenermi dal fare almeno una battuta o a citare un dialogo? Come faccio a far capire quanto siano azzeccati i personaggi e i loro interpreti dal primo all’ultimo? Sean Astin è Mickey, il leader della gang; asmatico, ma coraggioso, mai domo e pieno di iniziativa. Suo fratello maggiore Brand è interpretato da un ottimo Josh Brolin che dimostrerà negli anni a venire le sue doti attoriali. Poi c’è lo stralunato e geniale Data, ragazzino cinese impersonato dal frizzante He Ke Quan che avevamo già visto l’anno precedente nei panni della peste Short Round, mini spalla di Indiana Jones, E Mouth? Mouth, ciarliero, sbruffone, adorabile con la sua bella maglietta di Purple Rain è Corey Feldman, già visto in una produzione di Spielberg mitica anch’essa: I Gremlins. La compagnia femminile è ben assortita con Kerry Green e Martha Plipton rispettivamente la bella Andy e la sbarazzina Stef. Per ultimo lascio la vera star dei Goonies: Jeff Cohen, indimenticabile, pacioccone, pirotecnico Chunk; forse il personaggio più ricordato della pellicola. E i comprimari/antagonisti? La Banda Fratelli con la truce Anne Ramsey Mamma Fratelli che sostengono la parte dei cattivi con convinzione sempre in bilico tra fumetto e comicità slapstick. Alla folta schiera si aggiunge l’iconico Slot interpretato dal compianto John Matuszak.

Ma perchè i Goonies sono ancora un successo? Perchè generazioni di persone li vedono e rivedono divertendosi? Semplicemente perchè i Goonies sono quello che prima si faceva bene al cinema in barba ai soli effetti speciali: un perfetto mix di azione, avventura e sapiente recitazione. La teen adventure nasce da qui (insieme con Explorers e Navigator) e oggi ci regala Stranger Things su tutti. Senza fare l’elenco di chi c’è dietro a cotale produzione e cito giusto per: Richard Donner alla regia (Superman), Steven Spielberg e Chris Columbus (Harry Potter) alla sceneggiatura, soggetto e produzione e la leggendaria Industrial Light & Magic di George Lucas.

Oggi ci resta una perla che per fortuna non avrà (almeno per ora, ma Hollywood è diabolica si sa) prequel, nè sequel, nè remake, bensì episodio isolato che sfida il tempo e regala, ogni volta che lo si vede, risate, un sottile brivido e la voglia di tornare bambini a di aver voluto trovare anche noi, in qualche soffitta abbandonata, una mappa di un tesoro sepolto.

Titolo originale: The Goonies
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 1985
Durata: 114 min
Genere: avventura, commedia
Regia: Richard Donner
Soggetto: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Chris Columbus
Produttore: Harvey Bernhard, Richard Donner
Produttore esecutivo: Steven Spielberg, Frank Marshall, Kathleen Kennedy
Casa di produzione: Warner Bros., Amblin Entertainment
Fotografia: Nick McLean
Montaggio: Michael Kahn
Effetti speciali: Michael J. McAlister, Matt Sweeney, John R. Ellis per Industrial Light & Magic
Musiche: Dave Grusin
Scenografia: J. Michael Riva, Rick Carter, Linda DeScenna
Costumi: Richard La Motte
Trucco: Ellis Burman Jr., Thomas R. Burman, Bari Dreiband-Burman, Craig Reardon, Tony Lloyd

Interpreti e personaggi

Sean Astin: Mikey Walsh
Josh Brolin: Brandon "Brand" Walsh
Jeff Cohen: Lawrence "Chunk" Cohen
Corey Feldman: Clark "Mouth" Devereaux
Kerri Green: Andy Carmichael
Martha Plimpton: Stef Steinbrenner
Jonathan Ke Quan: Richard "Data" Wang
John Matuszak: Lotney "Sloth" Fratelli
Anne Ramsey: Agatha "Mamma" Fratelli
Robert Davi: Jake Fratelli
Joe Pantoliano: Francis Fratelli
Mary Ellen Trainor: Harriet Walsh
Keith Walker: Irving Walsh
Steve Antin: Troy Perkins
Curt Hanson: Signor Perkins
Lupe Ontiveros: Rosalita

 

Behind Her Eyes

Avete presente quando si dice quella roba tipo che qualcosa è talmente brutta che fa il giro e diventa bella? E’ più o meno quello ...

Shtisel

Credo che in molti siano arrivati a questa serie israeliana come ci sono arrivato io. Ossia mediante i suggerimenti di Netflix dopo la ...

WandaVision

Anche io che dell’universo cinematografico Marvel non sono un detrattore (anzi), non mi aspettavo che Disney e Marvel Studios ...

Sky Rojo

Personaggi profondi come un culo di bottiglia, puntate brevi ma tutte uguali, sceneggiatura che pare scritta da un quattordicenne spagnolo ...

Your Honor

Una cura dimagrante di due o tre episodi avrebbe certamente giovato a questa serie, che pur partendo da ottimi spunti, certamente validi per ...