9, 10 E 11 DICEMBRE: “I GOONIES” TORNANO AL CINEMA DOPO 35 ANNI.

 
Tags:
 
22 Novembre 2019
 

La prossima volta che vedrai il cielo, sarà quello di un’altra città. La prossima volta che farai un esame, lo farai in un’altra scuola. I nostri genitori hanno sempre fatto quello che è giusto per noi. Ma adesso devono fare quello che è giusto per loro. Perché è il loro momento, il loro momento, lassù. Ma qua sotto è il nostro momento. È il nostro momento qua sotto. E finirà tutto nell’istante in cui salteremo dentro questo secchio“.

Nei 3 giorni di dicembre tra il 9 e l’11 non saremo reperibili per nessuno e niente potrà impedirci di andare al cinema, tutti, richiamati da una specie di codice che ci accomuna, personale, distintivo, unico. I Goonies tornano sul grande schermo dopo trentacinque anni e noi non tradiremo la fiducia di Willie l’Orbo. Come faccio a parlare di un film che non è un film, ma qualcosa che va oltre la semplice storia per ragazzi? Come faccio ad astenermi dal fare almeno una battuta o a citare un dialogo? Come faccio a far capire quanto siano azzeccati i personaggi e i loro interpreti dal primo all’ultimo? Sean Astin è Mickey, il leader della gang; asmatico, ma coraggioso, mai domo e pieno di iniziativa. Suo fratello maggiore Brand è interpretato da un ottimo Josh Brolin che dimostrerà negli anni a venire le sue doti attoriali. Poi c’è lo stralunato e geniale Data, ragazzino cinese impersonato dal frizzante He Ke Quan che avevamo già visto l’anno precedente nei panni della peste Short Round, mini spalla di Indiana Jones, E Mouth? Mouth, ciarliero, sbruffone, adorabile con la sua bella maglietta di Purple Rain è Corey Feldman, già visto in una produzione di Spielberg mitica anch’essa: I Gremlins. La compagnia femminile è ben assortita con Kerry Green e Martha Plipton rispettivamente la bella Andy e la sbarazzina Stef. Per ultimo lascio la vera star dei Goonies: Jeff Cohen, indimenticabile, pacioccone, pirotecnico Chunk; forse il personaggio più ricordato della pellicola. E i comprimari/antagonisti? La Banda Fratelli con la truce Anne Ramsey Mamma Fratelli che sostengono la parte dei cattivi con convinzione sempre in bilico tra fumetto e comicità slapstick. Alla folta schiera si aggiunge l’iconico Slot interpretato dal compianto John Matuszak.

Ma perchè i Goonies sono ancora un successo? Perchè generazioni di persone li vedono e rivedono divertendosi? Semplicemente perchè i Goonies sono quello che prima si faceva bene al cinema in barba ai soli effetti speciali: un perfetto mix di azione, avventura e sapiente recitazione. La teen adventure nasce da qui (insieme con Explorers e Navigator) e oggi ci regala Stranger Things su tutti. Senza fare l’elenco di chi c’è dietro a cotale produzione e cito giusto per: Richard Donner alla regia (Superman), Steven Spielberg e Chris Columbus (Harry Potter) alla sceneggiatura, soggetto e produzione e la leggendaria Industrial Light & Magic di George Lucas.

Oggi ci resta una perla che per fortuna non avrà (almeno per ora, ma Hollywood è diabolica si sa) prequel, nè sequel, nè remake, bensì episodio isolato che sfida il tempo e regala, ogni volta che lo si vede, risate, un sottile brivido e la voglia di tornare bambini a di aver voluto trovare anche noi, in qualche soffitta abbandonata, una mappa di un tesoro sepolto.

Titolo originale: The Goonies
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 1985
Durata: 114 min
Genere: avventura, commedia
Regia: Richard Donner
Soggetto: Steven Spielberg
Sceneggiatura: Chris Columbus
Produttore: Harvey Bernhard, Richard Donner
Produttore esecutivo: Steven Spielberg, Frank Marshall, Kathleen Kennedy
Casa di produzione: Warner Bros., Amblin Entertainment
Fotografia: Nick McLean
Montaggio: Michael Kahn
Effetti speciali: Michael J. McAlister, Matt Sweeney, John R. Ellis per Industrial Light & Magic
Musiche: Dave Grusin
Scenografia: J. Michael Riva, Rick Carter, Linda DeScenna
Costumi: Richard La Motte
Trucco: Ellis Burman Jr., Thomas R. Burman, Bari Dreiband-Burman, Craig Reardon, Tony Lloyd

Interpreti e personaggi

Sean Astin: Mikey Walsh
Josh Brolin: Brandon "Brand" Walsh
Jeff Cohen: Lawrence "Chunk" Cohen
Corey Feldman: Clark "Mouth" Devereaux
Kerri Green: Andy Carmichael
Martha Plimpton: Stef Steinbrenner
Jonathan Ke Quan: Richard "Data" Wang
John Matuszak: Lotney "Sloth" Fratelli
Anne Ramsey: Agatha "Mamma" Fratelli
Robert Davi: Jake Fratelli
Joe Pantoliano: Francis Fratelli
Mary Ellen Trainor: Harriet Walsh
Keith Walker: Irving Walsh
Steve Antin: Troy Perkins
Curt Hanson: Signor Perkins
Lupe Ontiveros: Rosalita

 

The Irishman

Più che il tanto vituperato ringiovanimento digitale (molto meno fastidioso di tanti vecchi trucchi posticci), è un’altra la cosa di ...

Oggi, 6 dicembre di trentacinque ...

“Se tanto dobbiamo morire, preferisco morire lottando. Attaccami Gmork! IO SONO ATREYU!” Eccola la battuta definitiva, assoluta, ...

Il Traditore

Forte di un protagonista ambiguo e importante come Masino Buscetta, figura ambigua ed enigmatica che in quanto primo pentito ha fatto la ...

The End Of The F***ing World ...

Forse, anzi sicuramente, perché ha perso l’effetto sorpresa della prima stagione, diverte e stupisce un po’ meno di quanto ci ...

Il Campione

Ennesima variazione su tema rapporto studente difficile/professore, del quale ricalca dinamiche e topoi, “Il campione” è la ...