WE ARE PEOPLE, LOU REED

 
22 Novembre 2019
 

C’è un sogno americano stropicciato, sporco e calpestato; ed è quello che ha descritto e raccontato Lou Reed nei suoi testi; da solo, con i Velvet Underground o con i tanti compagni di viaggio che hanno condiviso, nel tempo, il suo percorso umano ed artistico: da John Cale a Nico, da Andy Warhol a David Bowie, dai Metallica a Laurie Anderson, passando per Iggy Pop che nel suo album “Free” ha deciso di recitare la poesia “We Are The People” del 1970.

I suoi sono testi fotografici che catturano, per sempre, ciò che Lou vedeva per le strade di New York, la sua città preferita; ciò di cui la gente comune parlava; ciò che faceva per sballarsi, sentirsi viva o, semplicemente, per sbarcare il lunario, un po’ come già avevano fatto i poeti della beat generation. Lou non ha mai cercato di nascondere e coprire tutto il marcio della nostra società sotto il tappeto buono delle apparenze e delle formalità, come aveva sempre fatto la borghesia americana, come facevano i politici ed i religiosi con le loro truppe di bigotti e benpensanti al seguito. Lou non ha mai temuto di guardare nel baratro della nostra umanità più spietata e perversa, non ha mai rifiutato di toccare con mano le ferite aperte e sanguinanti, di annusarne il lezzo, di raccontarne la sofferenza, con un linguaggio, spesso, crudo, oscuro e scabroso; a volte gergale, ma anche profondamente critico, ironico e costruttivo. Perché se non tocchi davvero il fondo, è poi difficile risalire, è difficile poter costruire qualcosa di vero.

Il rock, in fondo, è il linguaggio più semplice, realista ed espressivo di cui disponiamo per raccontare il nostro mondo, la nostra quotidianità, ciò che ci fa stare bene e ciò che ci addolora, ci impaurisce o ci fa arrabbiare. Dietro quei suoi occhiali scuri c’erano le strade e le periferie abbandonate a sè stesse delle nostre metropoli; ma sotto il suo giubbotto di pelle nera c’era la delicatezza della sua poesia, concepita per tutti coloro che non hanno voce, che sono costretti ad accontentarsi solamente di bugie e disperazione, minuscoli insetti insignificanti del pensiero di qualcun altro: un Dio; un potere immenso, distruttivo e corrotto; un’economia bieca operante su scala globale; una società che ci vuole, a tutti i costi e con qualsiasi mezzo, servi fedeli e consumatori incalliti; una droga che ci impedisce di percepire la verità e ci costringe a strisciare ai margini dell’impero. Non siamo nulla, ma allo stesso tempo, siamo tutto, perché noi siamo il popolo, “we are the people”.

https://www.loureed.it/poesie/ è l’indirizzo del sito italiano su cui potete leggere le poesie di Lou Reed, sia nella versione originale, che in quella tradotta. E vi assicuro non ve ne pentirete.

Credit Foto: Arista Records/Photo by Mick Rock. [Public domain], via Wikimedia Commons

 

Diamo un’occhiata alla ristampa ...

L’archivio di Paul McCartney non è vasto e profondo come quello di Neil Young ma si difende piuttosto bene, regalando ogni tanto ...

Oggi “It’s Great When ...

Ci sono dei dischi che hanno già vinto solo con il titolo. Questo esordio dei Black Grape è uno di questi. Una band capitanata da Shaun ...

The Other Side: Fontaines D.C. – ...

Anche nelle migliori famiglie come IFB ci sono pareri discordanti su certi dischi. Di solito ci fidiamo e accettiamo il verdetto del nostro ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Suburbs” ...

Il terzo disco è spesso quello che indirizza il giudizio retrospettivo su tutte quelle band che hanno disgraziatamente avuto la sventura di ...