COLDPLAY
Everyday Life

[ Parlophone - 2019 ]
5
 
Genere: pop-rock
Tags:
 
27 Novembre 2019
 

Alzi la mano chi non ha consumato i primi due dischi dei Coldplay? Ci si può anche sbilanciare con l’uso della parola capolavori e se non è proprio così, beh, ci andiamo davvero vicino. Dal terzo in poi s’incomincia a storcere il naso, anche se, “X&Y”, confrontato a quello che viene dopo, è probabilmente il miglior disco della storia della musica. Poi, le sabbie mobili, con qualche rarissima boccata d’ossigeno e un deserto artistico che fa pensare che quei primi dischi là siano stati altri ad averli scritti; la continua ricerca del successo planetario da grandi numeri li ha snaturati e portati verso lidi pacchiani, ma che indubbiamente hanno funzionato, alla fine hanno avuto ragione loro.

In questi giorni i Coldplay se ne escono con un disco nuovo di zecca, un doppio oltretutto. “Everyday Life” è forse il tentativo, mal riuscito lo diciamo subito, di tornare ai fasti qualitativi (senza puntare agli inni da stadio) di un tempo ormai lontano. C’è quella sensazione li, c’è la voglia di non buttarla sul mero commerciale e ritrovare una propria parte più intima, ma mancano le canzoni, totalmente. Alla fine lo trovo un album che passa dal piatto al confuso (fin troppi salti azzardati di generi e sensazioni, in continuo, ma lo stesso Chris Martin accomuna il disco a “una grande sensazione di libertà“), con spunti nuovi presenti e accennati ma mai ben realizzati (forse solo nella piacevole e sperimentale, almeno per i Coldplay, “Arabesque” con quell’arrangiamento con il sax e i fiati in rilievo), e sopratutto, arido di melodie importanti. Lo percepisco come un disco con buone intenzioni di partenza ma che diventa usa e getta o, forse, a questo punto solo getta. Ogni volta che mi approccio ad un loro nuovo lavoro, spero sempre che si verifichi il miracolo di ritrovare quel collettivo in stato di grazia dei primi anni zero, ma puntualmente rimango deluso. Accade pure questa volta. Rispetto agli ultimi orrendi dischi, qui c’è qualcosa in più (giusto nella prima parte “Sunrise”, sulla seconda “Sunset” sorvoliamo), ma troppo poco anche solo per prendere un sei in pagella.

“Trouble in town” è forse il pezzo più riuscito, future ballad da compitino, ma almeno gradevole, “Broken” un gospel quasi traditional (la domanda è: perché?), “Daddy” è spartana, proprio una ballata pianistica tributo al primo periodo, c’è chi ha detto discreta, a me lascia poco e poi, via via, a riempire le caselle senza veri sussulti, nemmeno i singoli come “Orphans” (impalpabile) o le già stanchissime “Champion of the world” o la stessa “Everyday life” riescono nell’intento.

Consiglierei di usare meglio il tempo libero e passare oltre, ennesimo passo falso.

Photo by Tim Saccenti

Tracklist
1. Sunrise
2. Church
3. Trouble in Town
4. BrokEn
5. Daddy
6. WOTW/POTP
7. Arabesque
8. When I Need a Friend
9. Guns
10. Orphans
11. Èkó
12. Cry Cry Cry
13. Old Friends
بنی آدم14
15 .Champion of the World
16. Everyday Life
 
 

William Patrick Corgan – ...

Arriva un po’ come un piccolo regalo a sorpresa questo “Cotillions”, terzo album solista di William Patrick Corgan (per gli amici ...

Upset – Upset

Nate nel 2013, le Upset sono un supergruppo formato da Ali Koehler (Vivian Girls, Best Coast), Patty Schemel (Hole, Death Valley Girls), ...

Beck – Hyperspace

Se c’è una cosa che ho sempre fatto  è fiondarmi su ogni nuova uscita di Beck, anche se ad essere sincero negli anni sono finito ...

The Shivas – Dark Thoughts

Tre anni di attesa. Tre anni in cui i The Shivas non si sono presi la classica pausa per “cercare di capire dove siamo, cosa siamo, dove ...

Turnover – Altogether

Sono andato sul profilo Bandcamp dei Turnover per vedere se avessero pubblicato qualche specie di comunicato stampa per promuovere il nuovo ...