PIETER NOOTEN
Se Dire Au Revoir

[Rocket Girl – 2019]
8
 
Genere: Classica, elettronica
 
27 Novembre 2019
 

Quanto spesso diciamo addio? Infinite volte. Ci sono addii a suon di porte sbattute, categorici e sofferti oppure poetici come il finale di “Casablanca”. Alcuni sono solo arrivederci anche se non lo sappiamo. Il nuovo disco del compositore olandese Pieter Nooten (già nei Clan of Xymox poi ribattezzati Xymox) è un saluto di quelli vintage, da fazzoletto bianco e occhi lucidi.

Trent’anni di carriera sempre un filo al di sotto dei radar quelli di Nooten nel mondo della musica. Un fertile periodo passato alla corte della 4AD, esperienze come produttore, arrangiatore, autore (sua è “Several Times” perla tra le perle nere di “Blood” ultimo album dei This Mortal Coil). Una mente curiosa insomma, sempre al passo con (i suoi) tempi e in cerca di nuovi stimoli.

Non stupisce quindi che “Se Dire Au Revoir” sembri la colonna sonora di un film ancora da scrivere. Genere tra il noir e il drammatico, che ben si adatta al minimalismo orchestrale esibito da Nooten in undici brani strumentali di rara intensità. Incredibile che siano stati composti, arrangiati, mixati e masterizzati solo con l’aiuto di un Mac Book Pro, stesso modus operandi di “Surround Us” del 2012.

La freddezza che a volte caratterizza le composizioni native digitali non contagia la musica dell’olandese. Note dolci, malinconiche, evocative create con una sapiente opera di ricerca e fusione di strumenti e sample. Il violoncello di Lucas Stam appare e scompare, ritmi pacati spiccano il volo verso atmosfere soffuse, il violino della title track trasporta in terre lontane e fa da spartiacque tra prima e seconda metà dell’album. Divisione puramente teorica, visto che gli undici brani scivolano uno nell’altro in armonia.

“Se Dire Au Revoir” ricorda le orchestrazioni e le colonne sonore del compianto Jóhann Jóhannsson. Li accomunano la forza interpretativa e la capacità di far provare emozioni tenendo sempre desta l’attenzione dell’ascoltatore anche quando i secondi e i minuti corrono lenti come in “The Philosopher’s Walk”. E’ musica da ascoltare a occhi chiusi questa, prendendosi tutto il tempo necessario per gustarla a fondo.

Credit foto: Pieter Nooten [CC BY-SA 3.0]

Tracklist
1. Desolate Hotel
2. Moon Shining Bright
3. She Is Asleep
4. Apparition
5. Se Dire Au Revoir
6. Mother's Care
7. Pathos
8. Wandering Cello
9. Melancholia
10. The Philosopher's Walk
11. La Terminación
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...