ANNA OF THE NORTH
Dream Girl

[ Play It Again Sam - 2019 ]
6.5
 
Genere: indie pop, electropop
 
29 Novembre 2019
 

È una pubblicità di H&M? È un fermo immagine tratto da un film fantasy ambientato sulla Route 66? No: è la copertina di “Dream Girl”, il secondo album della cantante norvegese Anna of the North. Trasformatasi in una creatura fatata, con orecchie da elfo e ali da angelo, la giovane promessa dell’indie pop sembra osservare l’obiettivo della macchina fotografica con occhi pieni di sicurezza.

Le braccia conserte valgono più di un semplice indizio: questi tredici brani sono una vera e propria sfida all’ascoltatore. A lanciarla è un’artista che, complice l’accoglienza positiva registrata un paio di anni fa con l’esordio intitolato “Lovers”, coltiva giustamente ambizioni di un certo livello. Il suo è uno sguardo molto intenso, che sembra dire: «Sentite un po’ quanto cavolo sono brava».

E in parte ha anche ragione: ad Anna Lotterud (questo è il suo vero nome) non mancano talento e classe. L’indie pop elettronico, raffinato e leggermente rétro di “Dream Girl” intriga grazie a una produzione cristallina e ad arrangiamenti minimali ma ricercatissimi, in linea con i trend del momento.

Fragile e sottile com’è, la voce di Anna of the North si esalta sulle note soffici e suadenti di una title track dal gusto soul, di una “Time To Get Over It” che recupera timidamente i suoni del synthpop anni ’80 e di una “My Love” aggraziata da deliziosi coretti appiccicosi, neanche fossero caramelle.

Tre i momenti chiave del disco, ovvero quelli in grado di restare impressi in testa: la funkeggiante “Lonely Life”, che deve più di qualche idea ai Jamiroquai, la deliziosa “Thank Me Later” e una “Used To Be” ricca di riferimenti al miglior R&B di matrice ‘90s. Tutto il resto non è noia, ma puro mestiere: la Anna of the North di “Dream Girl” non abbandona praticamente mai la sua comfort zone, dove a regnare incontrastato è un senso di rassicurante già sentito. Un album carino: niente di più, niente di meno. La sfida resta aperta.

Tracklist
1. Dream Girl
2. Leaning On Myself
3. Time To Get Over It
4. My Love
5. Lonely Life
6. Interlude
7. Thank Me Later
8. Used To Be
9. What We Do
10. Playing Games
11. When R U Coming Home
12. Reasons (feat. Charlie Skien)
13. If U Wanna
 
 

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...

Bush – The Kingdom

Diciamolo, certa stampa non è mai stata carina (per usare un eufemismo) con i Bush di Gavin Rossdale. Non era un fatto personale o una ...

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...