OGGI, 6 DICEMBRE DI TRENTACINQUE ANNI FA, USCIVA “LA STORIA INFINITA”

 
 
6 Dicembre 2019
 

Se tanto dobbiamo morire, preferisco morire lottando. Attaccami Gmork! IO SONO ATREYU!
Eccola la battuta definitiva, assoluta, quella che mi ricordo e che ricorderò sempre, perchè, diciamoci la verità, chiunque di noi maschietti avesse avuto dai dodici ai quindici anni nel 1984, avrebbe voluto essere Atreyu guerriero bambino dai lunghi capelli neri e padrone di Artax un cavallo bianco bellissimo. “La Storia Infinita”, è un film vittima di una maledizione, un tremendo anatema che lo stesso autore del capolavoro letterario lanciò già durante la lavorazione e poi all’uscita nelle sale di tutto il mondo. Michael Ende ha sempre osteggiato la controparte cinematografica della sua opera definendola: una zozzura a livello umano e un tradimento a livello artistico. Beh, facciamo finta nonostante il libro sia un capolavoro assoluto, che esista solo il film e vediamo di omaggiare un simbolo della nostra infanzia e di quel periodo tanto florido per il cinema fantastico e avventuroso. Ora, io non è che voglio contraddire l’autore, ma anche rivendendolo a distanza di anni, molti anni, ritengo questo film, al netto delle differenze con il libro (si ferma comunque a metà dell’opera), un piccolo gioiello visivo.

Gli effetti speciali, per quanto artigianali e datati, reggono ancora bene se calati nel contesto e, iconograficamente, Mordiroccia, il Fortunadrago e l’intero regno di Fantàsia sono una gioia per gli occhi di chi vuole ancora sognare ed emozionarsi con la splendida colonna sonora di Giorgio Moroder.

Una cosa il film trasmette bene: l’amore per i libri e la lettura. Bastian è un bambino taciturno, solo, ma con una fervida immaginazione e un amore sconfinato per quei “piccoli oggetti rettangolari, si chiamano libri. Richiedono un certo impegno” come dice il Signor Coriandoli all’inizio. Accompagnamo Bastian mentre si immerge nel mondo di Fantàsia divorato dal Nulla e facciamo conoscenza di esseri strani, inimmaginabili come Deep Roy e la sua lumaca, i Bisolitari Engywook e sua moglie fino al lugubre e feroce Gmork che ha il compito di uccidere Atreyu. Quello che ancora rapisce è l’aura di magia che pervade l’intera pellicola, una sorta di sogno sospeso e al di là di questo mondo, ma tangibile sebbene irreale. Tangibile perchè forse è il più recondito dei nostri desideri quello di vivere una vita in un mondo altro e Wolfgang Petersen il regista, riesce benissimo a darci qualcosa di vivo e vibrante tenendoci incollati davanti allo schermo fino alla fine.

Splendida poi, così algida, così glaciale, è l’Infanta Imperatrice che assume contorni quasi inquietanti verso la fine quando il solo Bastian ha il potere di salvare Fantàsia. Chi vede “La Storia Infinita” deve passare necessariamente per l’opera di Ende, di gran lunga più complessa, lunga e ricca di tanti altri personaggi e vicende lodando il genio dell’autore, ma senza essere invasi dal livore verso la controparte cinematografica che occuperà sempre un posto speciale nei nostri cuori.

Titolo originale: The NeverEnding Story
Lingua originale: Inglese
Paese di produzione: Germania Ovest, Stati Uniti d'America, Regno Unito
Anno: 1984
Durata: 90/93 min. (Ed.DVD e TV); 97/101 min. (Ed. integrale tedesca)
Rapporto: 2.35 : 1
Genere: fantastico, avventura, drammatico
Regia: Wolfgang Petersen
Soggetto: Michael Ende
Sceneggiatura: Wolfgang Petersen, Herman Weigel
Produttore: Bernd Eichinger, Dieter Geissler
Casa di produzione: Producers Sales Organization
Distribuzione in italiano: Medusa Film (cinema), Eagle Pictures (home video)
Fotografia: Jost Vacano
Montaggio: Jane Seitz
Effetti speciali: Uwe Bendixen Pesci, Brian Johnson, David Fincher
Musiche: Giorgio Moroder, Klaus Doldinger

Interpreti e personaggi

Noah Hathaway: Atreyu
Barret Oliver: Bastian
Tami Stronach: Imperatrice
Patricia Hayes: Urgl
Sydney Bromley: Engywook
Gerald McRaney: padre di Bastian
Moses Gunn: Cairon
Tilo Prückner: Maghetto
Deep Roy: Teeny Weeny
Thomas Hill: Carl Conrad Coreander
 

Unorthodox

“Unorthodox” narra la fuga della giovane Esty dalla comunità Hasidic (ebrei ultra-ortodossi di origine ungherese, ...

La casa de papel – Stagione 4

Tutto quanto di buono si era visto nelle prime due stagioni di questa serie fenomeno, invero manco tantissimo, era stato già buttato nel ...

Hogar (Dov’è la tua casa)

“Hogar” è un thriller psicologico molto solido che racconta la risalita sociale di un pubblicitario fallito. Man mano che ...

El Hoyo – Il Buco

Horror basco a basso costo, “El Hoyo” sta facendo parlare molto di se. In effetti il meccanismo della prigione futuristica dove ...

Ultras

Sarebbe bastata una sceneggiatura un pelo più accattivante e meno telefonata, stereotipata a fare di Ultras un film molto migliore. In ...