THE IRISHMAN

 
 
di
6 Dicembre 2019
 

Più che il tanto vituperato ringiovanimento digitale (molto meno fastidioso di tanti vecchi trucchi posticci), è un’altra la cosa di “The Irishman” che mi ha fatto storcere il naso. Moltissime inquadrature magniloquenti, la loro staticità e il tono ostentatamente solenne della narrazione sembrano anelare allo status di classico. Quasi come Scorsese volesse che questo suo ultimo film fosse ricordato in un qualche modo come la sua pellicola definitiva, o perlomeno come la chiosa di un percorso decenni fa.
Initule dire che quando sei Scorsese, che è diventato Scorsese (per chi vi scrive uno dei due, tre migliori cineasti di sempre) facendo praticamente il contrario, questo è un atteggiamento superfluo, molto probabilmente controproducente. Non a caso le scosse elettriche del film arrivano proprio quando “Scorsese fa Scorsese” e ritrae la violenza e i rapporti impersonali dei protagonisti, quando ti gela il sangue con mezzo movimento del volto di un attore o con questa o quell’altra sequenza dalla secchezza brutale. Quando chiude il sipario lasciandolo socchiuso.

“The Irishman” non è il capolavoro osannato da chi sta parlando del migliore Scorsese del millennio (che è o “The Departed” o “The Wolf Of Wall Street”), ma nemmeno la ciofeca, inutilmente lunga e noiosa attaccata dalle orde di detrattori. Anzi, il film le sue tre ore e mezza se le porta molto bene, con una pausina al punto giusto quasi non le si sente. E poi quei tre insieme, come anche le fugaci apparizioni di Keitel e “Todd”, sono un piacere totale.

Lingua originale: inglese, italiano
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2019
Durata: 209 min
Genere: biografico, storico, drammatico, gangster
Regia: Martin Scorsese
Soggetto: dal libro di Charles Brandt
Sceneggiatura: Steven Zaillian
Produttore: Troy Allen, Gerald Chamales, Robert De Niro, Randall Emmett, Gastón Pavlovich, Jane Rosenthal, Martin Scorsese, Emma Tillinger Koskoff, Irwin Winkler
Produttore esecutivo: Richard Baratta, George Furla, Niels Juul, Jai Stefan, Chad A. Verdi, Berry Welsh, Tyler Zacharia
Casa di produzione: Fábrica de Cine, STX Entertainment, Sikelia Productions, TriBeCa Productions
Distribuzione in italiano: Cineteca di Bologna, Netflix
Fotografia: Rodrigo Prieto
Montaggio: Thelma Schoonmaker
Effetti speciali: Pablo Helman, Taylor Schulte
Musiche: Robbie Robertson
Scenografia: Bob Shaw
Costumi: Christopher Peterson, Sandy Powell
Trucco: Jose L. Lopez, Janine JP Parrella, Yasmina Smith-Tyson

Interpreti e personaggi

Robert De Niro: Frank Sheeran
Al Pacino: James Riddle "Jimmy" Hoffa
Joe Pesci: Russell Bufalino
Harvey Keitel: Angelo Bruno
Ray Romano: Bill Bufalino
 

Pinocchio

Matteo Garrone, anche in questa sua versione di “Pinocchio”, predilige i colori e le sfumature più cupe; i suoi personaggi hanno tratti ...

4 Blocks – Terza stagione

Giunge al suo epilogo questa interessante serie tedesca sulle mafie mediorientali che operano a Berlino (in particolare quella libanese). ...

The Two Popes

Non è certo strambo e pungente come la serie di Sorrentino, o deliziosamente onirico ed incerto come il film di Moretti, questa pellicola ...

Il mostro di St. Pauli (Der ...

E’ un Akin diverso dal solito quello che ha diretto Der Godene Handshuh, che rinunciando al suo stile di scrittura frizzante, ai ...

Star Wars: L’ascesa di ...

Finalmente o peccato che sia finita? Entrambe le cose. Peccato, perché quando una saga come Star Wars giunge al termine ti rendi conto del ...