OGGI “THIS IS WAR” DEI THIRTY SECONDS TO MARS COMPIE 10 ANNI

 
8 Dicembre 2019
 

Ci fu una svolta importante, 10 anni fa, per i Thirty Seconds To Mars di Jared Leto, che andarono a realizzare quello che, a conti fatti, è il loro lavoro più suggestivo e ambizioso. Un disco che esprime tensione fin dal titolo, con una band che cerca di liberarsi dagli schemi in cui sarebbe potuta entrare, piazzando album in fotocopia visto l’ottima resa e successo del precedente “A Beautiful Lie” (2005, gran bell’album, poco da dire). Una guerra con la casa discografica, una guerra interiore fra i componenti per esprimersi al meglio e tirare fuori tutto in un moto di vera sincerità e passione, una guerra che da i suoi frutti con un disco che abbraccia l’anima rock tanto quella più elettronica, in un equilibrio perfetto che la band non riuscirà più a raggiungere. Complice una produzione “furba” che introduce nuovi elementi senza però snaturare completamente il gruppo, che si dimostra invece capace di essere moderno, liquido, flessibile e intrigante. Anche più patinato e ‘easy’ se vogliamo, certo, ma non così tanto da disturbarci o da maledirli (quello lo si potrà fare dal disco succesivo a questo, fino all’ultimo, orrido, “America”).

Musicalmente possiamo tranquillamente dire che i punti fermi della band sono più che rilevabili: U2 (quelle bandiere bianche sul palco, nel successivo tour, ricorderanno proprio quella usata spesso dalla band di Bono Vox per il tour del loro terzo disco) e My Chemical Romance, ma al di là di questo c’è uno spirito coinvolgente e trascinante che avviluppa l’intero album, creando immediata empatia con l’ascoltatore (sopratutto i più teen, dirà qualcuno). L’uso (l’abuso, dirà qualcuno) dei cori dei fan che entrano spesso nei pezzi serve proprio questo, a rendere il tutto più epico ed energico (pomposo, dirà qualcuno), come se fossimo li con loro, in uno stadio, a goderci questo momento in cui essere presi e catturati dal sound. A fine disco l’idea è che questo è davvero l’album che Tom DeLonge avrebbe sempre voluto realizzare con i suoi AVA, ma per un motivo o per l’altro non c’era mai riuscito pienamente. Qui invece tutto funziona alla grande. Melodia, teatralità, esplosioni passionali, rock da stadio, momenti più raccolti, synth-pop quasi alla Killers e un pizzico (poco poco) di hard-rock: non manca nulla e la voce di Jared emerge alla grande. Ovvio, c’è chi storcerà il naso, giudicando l’album un passo falso e una vera e propria involuzione della band, piegata ormai a logiche di classifica e ad arrangiamenti buoni per le fanciulle emo, ma io no, non l’ho mai pensata così. Lo ammetto.

Il lato rock e carico si esalta tanto in “Kings and Queens” così come in “This Is War” e “Closer To The Edge” (quest’ultima dal drumming esaltante, vero e proprio omaggio a Larry Mullen degli U2), l’aspetto prettamente epico diventa palpabile ed emozionante in “Vox Populi” (dopo 10 anni ancora non riesco a non esaltarmi come un pazzo con tutti quei cori che esplodono nel brano), l’eclettismo intrigante (“Night Of The Hunter”), intimismo oscuro e synthetico (“Hurricane”), malinconia suggestiva (“L490”) e i lacrimoni (“Alibi”).

10 anni fa stravedevo per Jared e i suoi ragazzi, avevo pure il poster con il loro logo. Ora, visti gli album successivi, diciamo che la penso assolutamente in modo diverso e vorrei che Jared si limitasse a fare l’attore, ma 10 anni fa, beh, 10 anni fa…

Pubblicazione: 8 dicembre 2009
Durata: 60:45
Dischi: 1
Tracce: 12
Genere: Rock alternativo
Etichetta: Virgin Records, EMI
Produttore: Flood, Steve Lillywhite, Thirty Seconds to Mars

Escape – 2:23
Night of the Hunter – 5:40
Kings and Queens – 5:47
This Is War – 5:27
100 Suns – 1:58
Hurricane – 6:12
Closer to the Edge – 4:33
Vox Populi – 5:42
Search and Destroy – 5:38
Alibi – 5:59
Stranger in a Strange Land – 6:54
L490 – 4:26

 

L’omicidio di Floyd George. ...

Ut sementem feceris, ita metes. Le conseguenze delle nostre scelte e delle nostre azioni non sono casuali, non lo sono mai. C’è una ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Firstborn Is ...

Nick Cave. Il vampiro di Warracknabeal ha la pelle dura e la sua linfa vitale e artistica sembra essere senza fine, come una scorta nascosta ...

Oggi “Rites Of Spring” dei ...

Leggenda metropolitana vuole che i Rites Of Spring abbiano fatto una dozzina di concerti, eppure è innegabile l’impatto che hanno avuto ...

Oggi “Hunting High And Low” ...

Ah, la Norvegia. Terra di fiordi e sole a mezzanotte; di merluzzi appesi alle rastrelliere e chiese in fiamme. È inutile starci a girare ...