MARRIAGE STORY

 
 
di
9 Dicembre 2019
 

Poco importa che i due protagonisti di “Marriage Story”, interpretati superbamente da Driver e Johansson, siano rispettivamente un geniale regista emergente di teatro e la sua musa e prima attrice. Il mondo in cui il loro matrimonio è nato per poi deteriorarsi è soltanto una cornice, che casomai rende ancora più patetiche e meschine le evoluzioni della loro separazione (si veda la battuta lapidaria del giudice che, quasi infastidito dall’atteggiamento della coppia e dei rispettivi avvocati, non vuole dedicar loro più tempo di quanto ne spetti a chi dispone di mezzi minori).
L’inizio del film, con i due attori che recitano quello che amavano del loro partner, mentre sullo schermo scorrono le immagini felici di dieci anni di matrimonio e un bambino, alla luce di quello che verrà mostrato subito dopo è una coltellata al cuore. Badate bene, oggi state così, tutti trombette e partite al Monopoly, ma è una sola scena a separarvi dal baratro.

Inizialmente ben disposti verso l’un l’altro, propensi a risolverla con le buone, i due giovani artisti inizieranno una battaglia legale brutale, con al centro, ovviamente, il figlioletto, i patrimoni e le carriere dei due. Avvocati mefistofelici, cose non dette, emozioni represse, agoismo, convenzioni sociali, catapultano i due giovani in una spirale distruttiva quasi involontaria.

Nonostante sia tra le più divertenti, perché in “Marriage Story” c’è tempo anche per qualche risata, una scena che mi ha devastato è stata quella della visita dell’apaticissima assistente sociale. Solo chi ha vissuto una di queste visite, può capire la grandezza di Driver e del copione, perfetti nell’inscenare la pressione che un evento del genere comporta e la dolce maldestrezza di un padre (o una madre) che cerca di dimostrare quanto in ogni altro momento gli viene naturale. Senza dimenticare la tensione del figlioletto, che finesce inesorabilmente con il sentirsi corresponsabile dell’esito.

Incredibile anche la scrittura dei personaggi secondari, su tutti l’avvocato un po’ amica un po’ squalo di Laura Dern, che in tre battute e due gesti si svelano in tutta la loro potenza. Alla Dern basta togliersi le scarpe e avvicinarsi a Scarlett per farci capire di cosa è capace.

Conciliante, sebbene amaro, il finale, che evita il disastro grazie alla capacità della coppia di fermarsi giusto in tempo. Un ulteriore merito della sceneggiatura è quello di non parteggiare mai per nessuno dei due contendeti, tanto fa far affezionare lo spettatore ad entrambi, ai difetti di entrambi e giore quando riescono a rispettarsi di nuovo, a volersi nuovamente, diversamente bene. Se la prima scena del film è una pugnalata, la chiusura con l’allacciamento della scarpa è una carezza gentilissima.

Ultimo incredibile prodigio di un film già perfetto è l’uso delle due città al centro della disputa, New York e Los Angeles, che rappresentano con la loro proverbiale dicotomia le esigenze inconciliabili dei protagonisti.

Titolo originale: Marriage Story
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2019
Durata: 136 min
Genere: drammatico, sentimentale, commedia
Regia: Noah Baumbach
Sceneggiatura: Noah Baumbach
Produttore: Noah Baumbach, David Heyman
Produttore esecutivo: Craig Shilowich
Casa di produzione: Heyday Films
Distribuzione in italiano: Cineteca di Bologna / Netflix
Fotografia: Robbie Ryan
Montaggio: Jennifer Lame
Musiche: Randy Newman
Scenografia: Jade Healy
Costumi: Mark Bridges

Interpreti e personaggi

Scarlett Johansson: Nicole Barber
Adam Driver: Charlie Barber
Laura Dern: Nora Fanshaw
Alan Alda: Bert Spitz
 

Unorthodox

“Unorthodox” narra la fuga della giovane Esty dalla comunità Hasidic (ebrei ultra-ortodossi di origine ungherese, ...

La casa de papel – Stagione 4

Tutto quanto di buono si era visto nelle prime due stagioni di questa serie fenomeno, invero manco tantissimo, era stato già buttato nel ...

Hogar (Dov’è la tua casa)

“Hogar” è un thriller psicologico molto solido che racconta la risalita sociale di un pubblicitario fallito. Man mano che ...

El Hoyo – Il Buco

Horror basco a basso costo, “El Hoyo” sta facendo parlare molto di se. In effetti il meccanismo della prigione futuristica dove ...

Ultras

Sarebbe bastata una sceneggiatura un pelo più accattivante e meno telefonata, stereotipata a fare di Ultras un film molto migliore. In ...