OGGI, 21 DICEMBRE DI TRENTACINQUE ANNI FA, USCIVA “AMADEUS”

 
Tags:
 
21 Dicembre 2019
 

E’ musica… perfetta, come mai musica era stata. Sposta una sola nota e si immiserisce tutto. Cambia una sola frase e la struttura crolla“.

Bisognerebbe parlare di Mozart con rispetto, sussiego, ammirazione sconfinata. Bisognerebbe, se non si mastica musica colta, innanzitutto entrare nel suo mondo musicale e poi provare a informarsi e cercarne, attraverso una buona biografia, i tratti non solo pubblici, ma anche privati per avere la misura della persona a 360 gradi e carpirne segreti e contrarietà. Possiamo magari (ma ci vorrebbe coraggio) mettere anche in dubbio l’effettivo valore musicale se rapportato al tempo e alle già presenti correnti che influenzarono il giovane Wolfgang e in alcuni casi ne ignorarono il precoce talento. Sto divagando forse, ma era una semplice introduzione perchè Amadeus non è certo una fonte attendibile, ma, rivedendo dopo tutti questi anni, il capolavoro di Milos Forman non ci resta che l’enorme e destabilizzante figura di una rockstar fragile, incompresa e incredibilmente umana.

Quanto sarebbe inutile menzionare le splendide scenografie e gli impareggiabili costumi, le atmosfere di una Vienna pulsante di vita, a volte indifferente al minuscolo Wolfgang che, sopratutto nell’ultima parte del film, si trascina ubriaco, sfatto e claudicante per le viuzze innevate mentre i demoni del Requiem lo assalgono. Sublime, amabilmente subdolo e viscidamente ammirata è la figura di Antonio Salieri, machiavellico nell’architettare il piano per uccidere il suo dotato rivale e magistralmente interpretata da F. Murray Abraham. Impressionante è invece il peso del giovane genio irriverente, strafottente, finanche narcisista che Tom Hulce (attore che avrebbe meritato una carriera migliore date le sue doti) immette nel suo Mozart. E’ ozioso poi sottolineare le imprecisioni biografiche, le licenze, l’inesistente invidia di Salieri (che invece dette lezioni anche ad uno dei due figli di Mozart) perchè tutto si piega alla metafisica musica del compositore salisburghese.

Forman ricrea le opere maggiori rappresentate in teatro e non possiamo far altro che piegarci di fronte alle note dell’aria del Martern Aller Artern tratta dal “Ratto dal Serraglio” o del tetro e metallico Confutatis del “Requiem” composto insieme a Salieri sul letto di morte. Tutto brilla per la gioia dei nostri occhi: vestiti dai colori sgargianti, parrucche sbarazzine, e come in un enorme quadro vivente e vibrante, Forman ci restituisce una fulgida atmosfera settecentesca e noi ne siamo i protagonisti insieme a Wolfgang e a tutte le personalità del tempo. Quella risata poi: beffarda, isterica, stupida, irriverente, quella risata che ci fa pensare ad un’altra risata recentissima. Quella risata che risuona nelle orecchie e nella testa di un avvizzito Salieri ormai in manicomio, risata che lo accompagna mentre benedice i folli, i folli come Wolfgang e forse come tutti i grandi geni.

Mediocri, ovunque voi siate, io vi assolvo, io vi assolvo, io vi assolvo, io vi assolvo tutti!

Titolo originale: Amadeus
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 1984
Durata: 160 min/180 min (director's cut)
Genere: biografico, drammatico, musicale
Regia: Miloš Forman
Soggetto: Peter Shaffer (opera teatrale)
Sceneggiatura: Peter Shaffer
Produttore: Saul Zaentz
Produttore esecutivo: Michael Hausman, Bertil Ohlsson
Casa di produzione: Orion Pictures, The Saul Zaentz Company
Fotografia: Miroslav Ondříček
Montaggio: Michael Chandler, Nena Danevic, T.M. Christopher (director's cut)
Effetti speciali: Bill Cohen, Steve Crawley, Ian Corbould, Neil Corbould, Paul Corbould
Musiche: Neville Marriner, John Strauss (supervisione e coordinamento musiche), Wolfgang Amadeus Mozart
Scenografia: Patrizia Von Brandenstein, Karel Cerný
Costumi: Theodor Pištěk
Trucco: Dick Smith, Paul LeBlanc

Interpreti e personaggi

Tom Hulce: Wolfgang Amadeus Mozart
F. Murray Abraham: Antonio Salieri
Elizabeth Berridge: Constanze Weber
Simon Callow: Emanuel Schikaneder
Roy Dotrice: Leopold Mozart
Christine Ebersole: Katherina Cavalieri
Jeffrey Jones: imperatore Giuseppe II
Roderick Cook: conte Von Strack
Jonathan Moore: barone van Swieten
Nicholas Kepros: arcivescovo Colloredo
Richard Frank: padre Vogler
Patrick Hines: Kapellmeister Bonno
Charles Kay: conte Orsini-Rosenberg
Vincent Schiavelli: il maggiordomo di Salieri
Cynthia Nixon: Lorl, la serva
Barbara Bryne: Frau Weber, madre di Constanze
Herman Meckler: prete
Vladimír Svitáček: papa Clemente XIV
Kenneth McMillan: Michael Schlumberg (director's cut)
 

The New Pope

Dopo due primi episodi che introducono il nuovo Papa arrancando tra provocazioni un po’ ovvie, sia visive che narrative, Sorrentino ...

JoJo Rabbit

Heil Hitler! Inizia così “Jojo Rabbit”, con il giovane Jojo esercitandosi a sfoderare il più minaccioso ed energico saluto al ...

Hammamet

di KOC “Hammamet” è Il film di Gianni Amelio sugli ultimi mesi di vita di Bettino Craxi, l’ex premier italiano, morto da ...

Pinocchio

Matteo Garrone, anche in questa sua versione di “Pinocchio”, predilige i colori e le sfumature più cupe; i suoi personaggi hanno tratti ...

4 Blocks – Terza stagione

Giunge al suo epilogo questa interessante serie tedesca sulle mafie mediorientali che operano a Berlino (in particolare quella libanese). ...