TOP TEN ALBUM 2019 DI GIANLUIGI MARSIBILIO

 
23 Dicembre 2019
 

#10) THOM YORKE
Anima
[Xl Recordings]
LEGGI LA RECENSIONE

Dopo la colonna sonora di “Suspiria”, Thom si è buttato su un lavoro astratto, solista e molto più intenso rispetto ai suoi passati dischi in solo. I loop, la musica concettuale e le rapsodie elettroniche sono state fonti di ispirazione per brani come “Traffic” e “I Am a Very Rude Person”. Il disco è un vero art-attack. “Anima” è una vetta nella carriera di Yorke perché ha tutta una serie di elementi perfettamente connessi anche con l’idea di un live scenico e folgorante.

#9) ANDREA LAZLO DE SIMONE
Immensità
[42 Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Già per un titolo del genere meriterebbe una posizione in qualsiasi classifica di album dell’anno. Andrea e la sua mini orchestra sinfonica ragionano su un tema che va oltre uomo. Il senso di una ricerca cosmica che si incarna in una serie di brani connessi, che dialogano, si interscambiano i significati e si intrecciano ad un’idea di musica cantautorale alta, altissima. Andrea Lazlo come Giovanni Truppi è una punta di diamante di vera ricercatezza nella nostra musica. Nella ricercatezza dei testi dei suoi lavori non viene mai oscurata la dimensione sonora, che in questo disco più che mai è curata, pensata, vissuta.

#8) QUERCIA
Di Tutte Le Cose Che Abbiamo Perso E Perderemo
[Autoproduzione]
LEGGI LA RECENSIONE

Un titolo che è simbolo chiaro di quella che è una riscoperta identitaria per i Quercia che, in questo 2019, hanno tirato fuori un disco di una coerenza, puntualità e dal fascino assoluto. I loro suoni rudi abbracciano un universo originario, un ursound (suono primordiale) che li rappresenta perfettamente. Disco incredibilmente importante per un genere che in Italia ha un seguito ben definito.

#7) JENNIFER GENTLE
Jennifer Gentle
[La Tempesta]
LEGGI LA RECENSIONE

Il gradito ritorno di una band che ha segnato, in un modo particolare ma non marginale, un’epoca. I Jennifer Gentle disegnano trame psichedeliche, cosmiche. La loro capacità è nel trasmettere tutto questo con semplicità, purezza. La nebbia, che avvolge il disco e i suoi suoni, non è assassina, come nel libro di Stephen King, ma illuminante. I Jennifer Gentle sono abitanti di Twin Peaks e quando si raccontano nei pezzi c’è il mistero imperscrutabile della loggia nera.

#6) I HATE MY VILLAGE
I Hate My Village
[La Tempesta]
LEGGI LA RECENSIONE

Il disco è un full immersion in una facoltà di antropologia culturale: i suoni primitivi e ancestrali che vengono da mondi lontani sono al centro del disco di questa superband composta da Viterbini, Alberto Ferrari e co. Tutto è tarato su sonorità non comuni ma che riescono ad ispirare in modo unico, alcuni si dimenticano del disco perché uscito a cavallo tra 2018 e 2019, ma un lavoro del genere rimarrà una perla, un bagliore unico per anni.

#5) MASSIMO VOLUME
Il Nuotatore
[42 Records]
LEGGI LA RECENSIONE

Equilibristi con le parole, ritmi serrati e forti che si accendono in una serie di racconti importanti, fondamentali per spiegare il 2019, anno caratterizzato dai ritorni importanti. I Massimo Volume sono padroni di bellezza senza tempo.

#4) BON IVER
I,I
[Jagjaguwar]
LEGGI LA RECENSIONE

Si parla di anni ’10 e nello storytelling musicale del decennio Justin Vernon è mattatore assoluto. Bon Iver è capace di rivoluzionarsi ogni disco, Justin si è affermato come vero creatore di giungle sonore e testuali. “I,I” è un disco in cui tutti gli elementi del passato si ricompongono in un collage che disegna un’opera d’arte vera, profonda.

#3) GIOVANNI TRUPPI
Poesia e Civiltà
[Universal]
LEGGI LA RECENSIONE

Truppi ha costruito il suo monumento, la sua cattedrale musicale in cui è riuscito a mettere in atto un momento di poesia e rivoluzione, capovolgendo almeno per i 48 minuti di durata del disco, le idee sulla canzone italiana nel 2019. Infatti in un panorama che offre doppioni e cloni, lui riesce con originalità a proporre qualcosa di puro e vero. Fare poesia per Giovanni sembra uno stato dell’essere, un’attitudine, con cui è veramente possibile fare una rivoluzione. Le persone immaginate come paesaggi o montagne, l’uso di figure retoriche e simboli importanti, le parole ricercate ma essenziali, disegnano un’idea chiara di “Poesia e Civiltà”, che riesce ad essere, allo stesso tempo, opera omnia e canzone di strada.


#2) NICK CAVE
Ghosteen
[Ghosteen LTD]
LEGGI LA RECENSIONE

Nick Cave è un sacerdote della musica pop, lui riesce a scavalcare e danzare sul confine tra arte, vita e musica. “Ghosteen” è la prova, l’emblema massimo di tutto questo. Cave ripartendo dalle atmosfere di “Skeleton Three” e immergendosi in una confidenzialità dettata anche dal recente tour, in cui spesso durante il live si è fermato a dialogare con i fan, costruisce un disco potentissimo in cui viene snocciolato il concetto di mortalità.
In “Ghosteen” viene elaborata, in modo ancor più lucente e complesso, la morte di suo figlio Arthur. Cave nel disco si definisce “un uomo pazzo di dolore”: tutto questo si sente, si percepisce in un disco che diventa catartico.
“Ghosteen” è il simbolo perfetto, quasi definitivo del 2019.

#1) VAMPIRE WEEKEND
Father Of The Bride
[Sony]
LEGGI LA RECENSIONE

I Vampire Weekend cantano in “Father of The Bride un’umanità che vive in un pianeta malato, il disco è però un’occasione per sovvertire una narrazione catastrofista e anzi in tutto il lavoro si eleva, tramite una serie di melodie pop perfettamente pensate da Ezra Koening e compagni, un alone di incredibile positività. I Vampire Weekend danno il massimo in brani come “Married In a Gold Rush” o “Jerusalem, New York, Berlin”, che attraverso un dialogo tra vari accordi di pianoforte tracciano una linea che lega storie, epoche e idee, non solo in ambito musicale, ma politico, sociale. La chiave del disco è nel racconto di un’umanità che, sull’orlo di una catastrofe umanitaria e ambientale, trova le giuste coordinate per ritrovarsi, rinascere.

 

TRACK: Settembre – Giugno

Ma che pezzo han tirato fuori i Settembre, che a dispetto del nome autunnale sanno cantare l’estate che avanza con passo lento e sensuale ...

Sono tornati i Clientele! Ascolta ...

Il ritorno dei Clientele va segnalato con passione e amore. Finalmente la band si cimenta con qualcosa di nuovo, seppur una cover. Stiamo ...

The Waterboys: annuncio album e ...

Non mollano i coriacei Waterboys guidati da Mike Scott. E’ in arrivo “Good Luck, Seeker”, che arriva a breve distanza dal ...

Guarda Brian Wilson suonare “God ...

Brian Wilson è stato ospite musicale dell’ultima puntata dello show televisivo “Late Show with Stephen Colbert”. Il ...

Mudhoney: ascolta per intero il ...

“Live Mud”, disco dal vivo dei Mudhoney datato 2007, è stato pubblicato in questi giorni per la prima volta in versione ...