TOP TEN ALBUM 2019 DI MATTIA MARCHI

 
28 Dicembre 2019
 

#10) KATE TEMPEST
The Book Of Traps And Lessons
[American Recordings/Fiction]
LEGGI LA RECENSIONE

Non conoscevo Kate Tempest prima di quest’anno, l’ho scoperta ascoltando per caso “All Humans Too Late” su BBC Radio 6 e sono rimasto incantato dal suo modo di incanalare angoscia e frustrazione in una canzone parlata. L’immagine che dipinge del Regno Unito è efficace perché reale senza fronzoli o drammatizzazioni e purtroppo permette anche ai non brits di potersi identificare.
<br\>

#9) METRONOMY
Metronomy Forever
[Because Music]
LEGGI LA RECENSIONE

Mi è sempre stato difficile definire i Metronomy. Nella loro ormai lunga carriera hanno saputo mantenere costante la qualità dei loro lavori, rinnovandosi e cambiando a livello sonoro, ma continuando a usare ironia e emotività come costante. Questo disco contiene una delle mie canzoni preferite dell’anno in “Upset My Girlfriend” che secondo me esemplifica l’essenza del gruppo.
<br\>

/p>

#8) JAY SOM
Anak Ko
[Lucky Number]
LEGGI LA RECENSIONE

Questo disco è un grande passo in avanti per Melina e il suo progetto Jay Som, è un lavoro più maturo rispetto al passato sotto tutti i punti di vista e crea atmosfere coinvolgenti lungo tutta la sua durata. Avrebbe meritato di più a livello popolare il singolo super catchy “If You Want It”.
<br\>

#7) NICK CAVE & THE BAD SEEDS
Ghosteen
[Ghosteen Ltd.]
LEGGI LA RECENSIONE

La sensazione che mi è venuta ascoltando questo disco è quella di fare un passo indietro. L’unico modo per capire la potenza di “Ghosteen” è ascoltarlo con devozione, senza nessun tipo di distrazione e lasciarsi trafiggere emotivamente.
<br\>

#6) HOT CHIP
A Bath Full Of Ecstasy
[Domino]
LEGGI LA RECENSIONE

Ennesima prova convincente, a mio avviso, per gli Hot Chip. Il loro pop elettronico non vira mai troppo dalla solita formula ormai consolidata, ma questo non vuol dire che i loro lavori risultino uguali o ripetitivi. “Clear Blue Skies” è un’altra tra le mie canzoni preferite dell’anno.
<br\>

#5) SHARON VAN ETTEN
Remind Me Tomorrow
[Jagjaguwar]
LEGGI LA RECENSIONE

Quando ho sentito il primo singolo del nuovo lavoro di Sharon Van Etten sono rimasto spiazzato. Non capivo come avrebbe potuto mantenere l’intensità emotiva dei precedenti dischi con un sound più leggero e elettronico. Mi sembrava un connubio non efficace, ma chiaramente mi sbagliavo.
<br\>

#4) THE CINEMATIC ORCHESTRA
To Believe
[Ninja Tune]
LEGGI LA RECENSIONE

Dopo anni i Cinematic Orchestra sono tornati un lavoro raffinato, elegante e a tratti commovente. Ci vuole un po’ di pazienza per lasciare che le canzoni si srotolino di fronte ai propri occhi, ma quando succede il piacere è tanto. Ottimi gli apporti di Moses Sumney, Tawiah e Heidi Vogel.
<br\>

#3) ALESSANDRO CORTINI
Volume Massimo
[Mute Records]

Uno spettacolo di paesaggi sonori che riprende la scia dell’altrettanto incantevole “Avanti” del 2017, questo disco merita il podio anche solo per come Cortini riesce a creare una storia emotivamente coinvolgente utilizzando sintetizzatori analogici.
<br\>

#2) SLOWTHAI
Nothing Great About Britain
[Method Records]

Basterebbe il nome per capire cosa ci troviamo davanti, oltre ad essere un capolavoro hip hop contemporaneo, l’LP di debutto di slowthai è un altro ritratto della situazione politica e sociale britannica. Tra flow dinamici e beats grime il risultato è un album molto consistente pieno di canzoni memorabili che lasciano il segno.
<br\>

#1) QUERCIA
Di tutte le cose che abbiamo perso e perderemo
[Self-Released]
LEGGI LA RECENSIONE

L’album di debutto dei Quercia m’ha accompagnato per tutto l’anno senza stancarmi minimamente. La tematica della perdita e della paura di perdere è urlata visceralmente dal gruppo sardo. Oggettivamente so che non è il disco più innovativo o tagliente dell’anno, ma mentirei a me stesso se non lo mettessi al primo posto.
<br\>

 

Dave Keuning, chitarrista dei ...

Dave Keuning, chitarrista dei Killers, annuncia un nuovo disco solista: “A Mild Case of Everything”, che segue di due anni il ...

Ascolta “Conto i Tuoi ...

“Conto i tuoi passi” è il nuovo singolo di Giorgio Ciccarelli (Afterhours, Colour Moves e Sux!). Un nuovo inizio, un racconto ...

La musica live sta per tornare. ...

Eventi musicali cancellati, tour annullati o rinviati, locali costretti a chiudere i battenti, l’intero eco-sistema musicale in apnea ...

A Song from The Stadium – La ...

Il tormentone calcistico, in questi ultimi giorni, è stato quello della Superlega. Che siate tra i favorevoli o i contrari poco importa. Il ...

“Un po’ come il ...

Di Immune, abbiamo già avuto modo di parlare, eccome. Il cantautore piemontese è stato per diverso tempo protagonista dei nostri ...