BOMBAY BICYCLE CLUB
Everything Else Has Gone Wrong

[Island - 2020]
6.5
 
Genere: indie-rock
 
22 Gennaio 2020
 

Far parte di una band non è poi così diverso dall’avere una storia d’amore. Di quelle forti, fatte di passione, condivisione e, a volte, anche di inevitabile stanchezza.
I Bombay Bicycle Club non sono sicuramente esclusi da queste dinamiche e come la più classica delle coppie hanno avuto la loro crisi da risolvere, una vera e propria – pacifica – pausa di riflessione, durata ben quattro anni.
“Ho bisogno di tempo”, è così che si dice in quei casi, no?

Negli ultimi anni ogni membro ne ha approfittato per pensare un po’ a sé: il cantante Jack Steadman è diventato Mr Jukes, il suo alter ego jazz-funk, il bassista Ed Nash, sotto il nome di Toothless, si è dedicato ad un progetto alt-pop nel quale ha coinvolto anche il batterista Suren de Saram, mentre il chitarrista Jamie MacColl ha ampliato il proprio profilo LinkedIn (perché sì, ne ha uno) con una laurea al King’s College in studi di guerra e un master in filosofia all’Università di Cambridge, oltre ad aver realizzato un documentario per la BBC Radio 1 sulle canzoni di protesta. È evidente quanto avessero voglia di sentirsi individui singoli ed esprimere la propria unicità, ognuno a suo modo.

Ma nel 2019, in occasione del decimo anniversario dell’uscita del loro primo album “I Had The Blues But I Shook Them Loose”, la band ha deciso di organizzare un tour in UK, ed è proprio lì che è scattata la scintilla. I BBC non hanno potuto fare a meno di cedere alla passione, annunciando il loro ritorno e il loro quinto album, “Everything Else Has Gone Wrong”, che con questo titolo apparentemente catastrofista in realtà ha l’intento di lasciare un messaggio di tutt’altro tipo, mettendo in primo piano il ruolo catartico della musica e invitando a vederla come una luce a cui aggrapparsi nell’oscurità più totale.

Proprio per questo è un album dalle sonorità positive e rasserenanti, 41 minuti di pace assoluta. Facendo caso ai testi di alcune delle canzoni ci si accorge del contrasto particolare tra le parole e l’ottimismo con cui vengono espresse. In “Good Day” ad esempio, si parla di amici persi, lavoro inesistente, la voglia di passare almeno buona giornata. Mentre il primo singolo, “Eat, Sleep, Wake (Nothing But You)”, ci racconta l’ossessione per il ricordo malinconico dei primi tempi di una storia ormai finita, con un tono quasi scanzonato.
È come se “Everything Else Has Gone Wrong” fosse una di quelle persone a cui la vita non va granchè bene, ma che reagisce alle negatività sorridendo, quasi a sottolineare quanto a volte non è tanto quello che si dice, quanto l’atteggiamento in cui lo si fa a definire le cose. Quindi sì, se il loro intento era quello di dare speranza e regalare un’oasi di pace nel deserto dei nostri problemi, hanno sicuramente centrato il punto. Ma questo può bastare a definirlo un ottimo ritorno?
Quando viene annunciato un album dopo anni di separazione, all’attesa si sommano alte aspettative, che in questo caso non sono state pienamente soddisfatte. I testi risultano spesso ripetitivi e gli arrangiamenti non raggiungono l’esplosione creativa del loro penultimo album “So Long, See You Tomorrow”, di cui ritroviamo solo lievi reminiscenze in alcuni brani, come nel flauto che introduce “Do You Feel Loved?”. I singoli sono i brani meglio riusciti, in particolare “Everything Else Has Gone Wrong”, che è stata scritta per ultima e ha dato il nome all’album proprio perché capace di condensare il senso di tutto l’LP in una sola canzone e “Racing Stripes”, dolce e malinconica chiusura del disco, nel quale una fisarmonica e un violoncello pizzicato accompagnano la voce di Jack e quella leggera e femminile di Billie Marten, fuse alla perfezione in una sorta di nenia.

È innegabile che quest’album non sia al livello delle ultime creazioni dei quattro londinesi, ma nonostante ciò non si può non provare rispetto per dei musicisti che hanno saputo mettere in pausa un progetto importante, consapevoli del fatto che continuare controvoglia avrebbe prodotto tutto fuorché arte. Una decisione che non tutti hanno l’onestà di prendere, in nome di qualcosa di sicuramente più alto della fama.

Photo by Josh Shinner

Tracklist
1. Get Up
2. Is It Real
3. Everything Else Has Gone Wrong
4. I Can Hardly Speak
5. Good Day
6. Eat, Sleep, Wake (Nothing But You)
7. I Worry Bout You
8. People People
9. Do You Feel Loved?
10. Let You Go
11. Racing Stripes
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...