FIELD MUSIC
Making A New World

[Memphis Industries – 2020]
7.5
 
Genere: Alt pop, prog
 
24 Gennaio 2020
 

Settimo disco per Peter e David Brewis questa volta in formazione allargata e in missione per conto dell’ Imperial War Museum, fondato durante la prima guerra mondiale per raccogliere testimonianze sul conflitto e sul ruolo svolto dall’allora Impero Britannico. Compito dei Field Music era creare uno spettacolo di luci, animazioni e musica sugli effetti e le conseguenze psicologiche e umane della Grande Guerra, progetto che hanno effettivamente messo in scena più volte da gennaio 2019 in poi.

“Making A New World” raccoglie la colonna sonora di quello spettacolo in un concept album che in altre mani e visti i tempi avrebbe potuto tranquillamente scadere nel patriottismo. I Brewis fortunatamente non fanno quest’errore, accettano la sfida e reagiscono con curiosità e una ricerca meticolosa di storie da raccontare. Diciannove brani che dovevano essere interamente strumentali diventano così una carrellata di volti e personaggi (tra i tanti spicca il Dr. Harold Gillies, medico neozelandese pioniere della chirurgia plastica e ricostruttiva, a cui è dedicata “A Change of Heir”)

Ordine rigorosamente cronologico, si parte dall’immediato dopoguerra provando a immedesimarsi in quei soldati che tornavano a casa pieni di speranze e quasi euforici (“Coffee or Wine” e “Best Kept Garden”) gioia che si trasforma gradualmente in una malinconia piena di dubbi. Non è il classico album sullo sforzo bellico, “Making A New World”. Siamo molto lontani ad esempio da esperimenti intensi come “Lament” degli Einstürzende Neubauten, realizzato in occasione del centenario della prima guerra mondiale nel 2014.

Musicalmente i Field Music danno sfogo alla loro anima prog senza perdere di vista l’orecchiabilità pop venata di funk (“Money Is a Memory”, “A Shot To The Arm”) in un percorso ritmico e compositivo che a volte li porta a creare piccoli omaggi a XTC e Talking Heads (“Do You Read Me?”, “Only In A Man’s World”) altre a seguire il vento e l’onda lunga dell’ispirazione, creando piccole suite in più parti dall’evoluzione imprevedibile.

Difficile giudicare un progetto come questo dalle sole canzoni e la mancanza della parte visiva e visuale si sente, inutile nasconderlo. Lo sforzo è comunque apprezzabile, il risultato godibile. I Field Music scelgono la strada di un moderato ottimismo celebrando come l’uomo di fronte alle grandi tragedie sappia reagire trovando in se stesso risorse inaspettate.

Credit foto: Andy Martin

Tracklist
1. Sound Ranging
2. Silence
3. Coffee or Wine
4. Best Kept Garden
5. I Thought You Were Something Else
6. Between Nations
7. A Change of Heir
8. Do You Read Me?
9. From a Dream, Into My Arms
10. Beyond That of Courtesy
11. A Shot to the Arm
12. A Common Language, Pt. 1
13. A Common Language, Pt. 2
14. Nikon, Pt. 1
15. Nikon, Pt. 2
16. If the Wind Blows Towards the Hospital
17. Only in a Man's World
18. Money Is a Memory
19. An Independent State
 
 

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...

Cristiano Godano – Mi Ero ...

Alcuni suoni, alcune immagini, alcuni volti, alcune sensazioni, prendono vita dentro di noi, in maniera spontanea, quasi a voler evidenziare ...

Edda e Marok – Noio; volevam ...

Due mostri sacri della scena alternativa italiana, Edda e Gianni Maroccolo, hanno pensato bene durante la fase della quarantena, quando ...

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...