HAMMAMET

 
Tags:
 
di
24 Gennaio 2020
 

di KOC

“Hammamet” è Il film di Gianni Amelio sugli ultimi mesi di vita di Bettino Craxi, l’ex premier italiano, morto da latitante in Tunisia, dopo essere stato condannato a dieci anni di reclusione, in seguito alle vicende di tangentopoli. La pellicola ha contribuito a riaprire clamorosamente il dibattito sull’opportunità o meno di rivalutare la discussa figura del leader socialista. Eppure, Amelio fa di tutto per tenersi lontano da qualsivoglia giudizio. Preferisce concentrarsi sull’aspetto umano della vicenda, di un uomo che si sentiva ingiustamente accusato, che stava male fisicamente, logorato dai pensieri e che viveva ancora peggio la lontananza dall’Italia e dalla sua unica vera passione, la politica.

Sarò caustico. A mio parere, Amelio ha fallito. In tanti siamo accorsi nelle sale per vedere la prova del protagonista, Pierfrancesco Favino, truccato alla perfezione e somigliante in tutto e per tutto a Craxi: nei tratti somatici, nei gesti e – in modo inquietante – nella voce. Favino è un attore poliedrico ed eccellente, nell’accezione hollywoodiana del termine: tutto ciò che interpreta, diventa oro. Peccato che stavolta l’oro sia rimasto attaccato unicamente alla sua persona. Il film, infatti, è di una noia tremenda: lento, mal recitato dagli attori più giovani, con una fotografia da anni ottanta e – colpa secondo me più grave – totalmente fuori fuoco.

Capisco l’idea di Amelio di tralasciare il focus politico: dal punto di vista storico, vent’anni sono pochissimi per fare un’analisi imparziale e completa di una vicenda controversa come quella di tangentopoli e della fine della prima repubblica; ma se decidi di puntare tutto sull’introspezione, devi riuscire a creare una connessione empatica con il pubblico. Altrimenti, se vuoi rimanere a distanza, devi essere un genio che riesce a comunicare per sottrazione, attraverso i silenzi, le inquadrature fisse, le riprese impressioniste.
Ogni riferimento a Sorrentino è puramente voluto, ovviamente. Amelio non riesce a fare nessuna delle due cose.

Si parte dalla ricostruzione dell’ultimo congresso socialista. Interessante l’idea di cambiare i nomi a tutti i personaggi, anche per invitare lo spettatore a indovinare chi sia il misterioso politico che fa visita ad Hammamet. Fine. Il film si trascina, lentissimo. Giustamente, Favino – come era del resto Craxi – attraversa altero e chiuso in se stesso tutto il tempo della narrazione, ma quasi niente attorno a lui funziona. La figlia (Livia Rossi) ha solamente un’espressione, perennemente contrita. Il personaggio di fantasia, Fausto (Luca Filippi), figlio di un dirigente suicida del partito, raggiunge Hammamet apparentemente per vendicarsi, ma anche lui assume subito una faccia catatonica, che non cambierà più fino alla fine. Soprattutto, non si capisce la funzione della sua figura nel film. L’amante dell’ex premier (Claudia Gerini) compare e scompare ad Hammamet in un battito di ciglia. Chissà perché e a cosa serviva mostrarla.

Non è uno spoiler se vi dico che alla fine il protagonista muore, ma il nostro entusiasmo per questo film evento era già defunto dopo nemmeno un’ora di proiezione.

Lingua originale: italiano
Paese di produzione: Italia
Anno: 2020
Durata: 126 min
Genere: biografico, drammatico
Regia: Gianni Amelio
Sceneggiatura: Gianni Amelio, Alberto Taraglio
Produttore: Agostino Saccà, Maria Grazia Saccà
Produttore esecutivo: Roberto Manni
Casa di produzione: Pepito Produzioni, con Rai Cinema, in associazione con Minerva Pictures, in associazione con Evolution People, in collaborazione con SBH
Distribuzione in italiano: 01 Distribution
Fotografia: Luan Amelio Ujkaj
Montaggio: Simona Paggi
Musiche: Nicola Piovani
Scenografia: Giancarlo Basili
Costumi: Maurizio Millenotti
Trucco: Andrea Leanza

Interpreti e personaggi

Pierfrancesco Favino: il presidente, alias Bettino Craxi
Livia Rossi: la figlia Anita
Alberto Paradossi: il figlio
Luca Filippi: Fausto
Silvia Cohen: la moglie
 

The New Pope

Dopo due primi episodi che introducono il nuovo Papa arrancando tra provocazioni un po’ ovvie, sia visive che narrative, Sorrentino ...

JoJo Rabbit

Heil Hitler! Inizia così “Jojo Rabbit”, con il giovane Jojo esercitandosi a sfoderare il più minaccioso ed energico saluto al ...

Pinocchio

Matteo Garrone, anche in questa sua versione di “Pinocchio”, predilige i colori e le sfumature più cupe; i suoi personaggi hanno tratti ...

4 Blocks – Terza stagione

Giunge al suo epilogo questa interessante serie tedesca sulle mafie mediorientali che operano a Berlino (in particolare quella libanese). ...

The Two Popes

Non è certo strambo e pungente come la serie di Sorrentino, o deliziosamente onirico ed incerto come il film di Moretti, questa pellicola ...