OGGI “LCD SOUNDSYSTEM” DEGLI LCD SOUNDSYSTEM COMPIE 15 ANNI

 
24 Gennaio 2020
 

Qual’è la band più rappresentativa della New York d’inizio millennio? Domanda difficile ma il nome degli LCD Soundsystem non può mancare. James Murphy di quella scena musicale florida e scatenata è stato ispiratore, istigatore e per sua stessa ammissione improbabile protagonista. Quando sono nati gli LCD Soundsystem aveva già più di trent’anni, molti dei quali passati a farsi le ossa come musicista in band che non avevano lasciato il segno.

DJ, fonico, produttore e fondatore dei Plantain Recording House a Manhattan, Murphy sembrava destinato a un futuro dietro le quinte. C’è voluta una grossa delusione perché cambiasse idea, o meglio un “tradimento”: quello dei The Rapture, che aveva prodotto insieme a Tim Goldsworthy e fatto incidere per la sua etichetta (la DFA) prima che passassero a una major. Frustrato e disilluso, Murphy si è chiuso in studio e ha iniziato a creare la musica che voleva sentire.

Nascosto dietro la sigla LCD Soundsystem ha fatto uscire una serie di singoli, il primo e ormai quasi leggendario è “Losing My Edge”, accorgendosi che c’era un pubblico affamato di musica ibrida, in attesa che qualcuno facesse saltare le rigide divisioni tra generi e stili. Il primo e omonimo album degli LCD Soundsystem in formazione allargata ha fatto esattamente questo.

Ritmi gioiosi che mettevano insieme indie e elettronica, i Talking Heads, gli Chic e i Daft Punk, basso, batteria, falsetto, sintetizzatori, groove intelligenti, movimentati e inaspettati attimi di calma con finale a sorpresa come in “Never as Tired as When I’m Waking Up” e “Great Release”.
.
Ironici, vivaci e eclettici gli LCD Soundsystem del 2005 non avevano nulla ma proprio nulla da perdere e certo non puntavano al successo di critica e pubblico che avrebbero avuto. Quindici anni dopo, con in mezzo uno scioglimento e una reunion, l’album d’esordio continua a far muovere corpo e mente con grande scioltezza.

Data di pubblicazione: 24 gennaio 2005
Registrato: 2002–2004 agli studi Long View Farm (North Brookfield, Massachussets) e Plantain Recording House (Manhattan, New York)
Tracce: 9 + 7
Lunghezza: 47:08 (standard version) 100:29 (deluxe)
Etichetta: DFA / Capitol
Produttori: Tim Goldsworthy & James Murphy (The DFA)

Tracklist
1. Daft Punk Is Playing at My House
2. Too Much Love
3. Tribulations
4. Movement
5. Never as Tired as When I’m Waking Up
6. On Repeat
7. Thrills
8. Disco Infiltrator
9. Great Release

Disco 2

1. Losing My Edge
2. Beat Connection
3. Give It Up
4. Tired
5. Yeah (Crass version)
6. Yeah (Pretentious version)
7. Yr City’s a Sucker

 

Tribute to Ginger Baker, Eventim ...

“Dawn-light smiles on you leaving, my contentment“. Le nostre essenze sono fragili e minuscole, ma allo stesso tempo così ...

Oggi “Physical Graffiti” dei ...

Tutto incomincia con il riff di “Custard Pie”, allo stesso tempo minaccioso ed inebriante, sensuale e lascivo, nel quale gli ...

Quando musica e malattia vanno a ...

La musica e la malattia. Un legame che non funziona solo come “medicina”, perché sulle proprietà curative e lenitive della ...

Oggi “Stato di ...

La fine millennio di Carmen Consoli è stata ricca di soddisfazioni. Una consacrazione per lei, che aveva provato invano a trovare spazio in ...

Oggi “Maxinquaye” di ...

“Lasciate che vi accompagni nei corridoi della mia vita”. Tricky, “Hell Is Round the Corner” Benvenuti nell’Inferno secondo Adrian ...