PINEGROVE
Marigold

[Rough Trade - 2020]
8
 
Genere: country-folk,Americana
 
27 Gennaio 2020
 

I Pinegrove sono tornati con il loro quarto album – il loro primo per Rough Trade Records – che arriva a distanza di appena un anno e mezzo dal precedente “Skylight”.

Si tratta del primo LP scritto dopo le accuse di costrizioni sessuali arrivate nel novembre 2017 nei confronti del frontman Evan Stephens Hall, che aveva quindi rinviato l’uscita del precedente lavoro, prendendo tempo per farsi aiutare ed entrare in terapia psicologica e, come da lui stesso scritto sui social network, “cercare di essere una persona migliore”.

Pieno di ottime melodie, questo nuovo disco rimane su territori country-folk e Americana dipinti su colori vivi e, come la band del New Jersey ci aveva già abituato in passato, ricco di sensazioni poetiche e sincere.

Il disco si apre in modo ottimista con “Dotted Line”: già sentire nuovamente la voce di Hall diventa rassicurante e inizia immediatamente a riscaldare il cuore di chi ascolta grazie alla bellezza delle melodie dai larghi orizzonti e tinte positive, nonostante la malinconia del testo.

Tocchiamo momenti di pura leggerezza e poesia con l’acustica folk “No Drugs”, mentre la successiva “Moment”, il primo singolo estratto da questa nuova fatica, è forse il brano migliore del disco con le sue chitarre luminose e le sue eccellenti armonie che ci fanno tornare in mente alcuni pezzi di “Cardinal”.

Non possiamo fare a meno di notare la grande forza emotiva di “Endless”, un pezzo che si sposta verso panorami country: accompagnata da ottime melodie e da spazi piuttosto larghi, questa canzone ha un coro capace di toccare e lasciare un segno davvero importante nelle orecchie e soprattutto nell’anima dei vecchi e nuovi fan della band del New Jersey.

La conclusione arriva con gli oltre sei minuti della title-track: totalmente strumentale questa interessante brano lascia che sia il ricercato ed elegante suono della chitarra a portarci attraverso un mondo sognante e ci porta verso una conclusione molto pacifica e tranquilla.

Anche con questo “Marigold” i Pinegrove non sbagliano e fanno di nuovo centro con un album meditativo e ricco di emozioni che, nonostante le negatività della vita, cerca di vedere anche le sue parti positive attraverso la sua sincerità, la sua profondità e la sua brillantezza.

Photo Credit: Daniel Topete

Tracklist
1. Dotted Line
2. Spiral
3. The Alarmist
4. No Drugs
5. Moment
6. Hairpin
7. Phase
8. Endless
9. Alcove
10. Neighbor
11. Marigold
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...