JOJO RABBIT

 
Tags:
 
di
28 Gennaio 2020
 

Heil Hitler!

Inizia così “Jojo Rabbit”, con il giovane Jojo esercitandosi a sfoderare il più minaccioso ed energico saluto al fuhrer che il suo corpicciolo di undicenne (o poco meno) gli permette. Ad assistere il bimbo nel bizzarro training il suo amico immaginario, ossia il fuhrer in persona (interpretato dal regista, che ne fornisce una versione istrionica, narcisistica e infantile).
E’ il bizzarro principio di un film straordinario e stravagante, che percorre attraverso la storia di formazione del suo giovane protagonista generi cinematografici ed emozioni, citando tutte le messe in cinema della shoa più audaci ed originali (vengono in mente ad esempio “La vita è bella” e “Inglorious Bastards”).
Pur essendo una girandola di citazioni musicali (i Beatles, Bowie), letterarie (Rilke) e visive (viene in mente la messinscena dalle tinte e le geometrie andersoniane del campo della gioventù hitleriana), il film è a sua volta una delle incursioni cinematografiche più originali nell’atroce pagina di storia dello scorso secolo.

Le scene che penetrano dalla pelle al cuore dello spettatore sono numerose, in egual misura esilaranti (che roba l’ispezione da parte della Gestapo!) e tragiche (Jojo che insegue la farfalla e…, Jojo accecato dalla rabbia). Difatti con “Jojo Rabbit” è facile uscire dalla sala in lacrime, non sai però quante ne hai versate per le risate e quante per l’emozione.

Man mano che Jojo si trasforma (pur difficoltosamente) da wannabe-nazi a salvatore (nonostante tutto) dell’aliena ebrea che gli si era annidata in casa, Waititi depotenzia e distrugge la simbologia nazista con tutti i metodi di cui dispone, con l’ironia, smussandone i lineamenti terribili con fotografia e colori, esaltandone le sfumature più ridicole mediante la sceneggiatura (tratta si da un romanzo, che però il neozelandese ha completamente stravolto).

Fuck off Hitler!

P.S. Cast incredibile, Rockwell al solito incontenibile.

Lingua originale: inglese, tedesco
Paese di produzione: Nuova Zelanda, Stati Uniti d'America, Repubblica Ceca
Anno: 2019
Durata: 108 min
Genere: commedia, drammatico, guerra, satirico, fantastico
Regia: Taika Waititi
Soggetto dal romanzo di Christine Leunens
Sceneggiatura: Taika Waititi
Produttore: Carthew Neal, Taika Waititi, Chelsea Winstanley
Produttore esecutivo: Kevan Van Thompson
Casa di produzione: TSG Entertainment, Piki Films, Defender Films, Czech Anglo Productions
Distribuzione in italiano: 20th Century Fox
Fotografia: Mihai Mălaimare Jr.
Montaggio: Tom Eagles
Musiche: Michael Giacchino
Scenografia: Ra Vincent
Costumi: Mayes C. Rubeo

Interpreti e personaggi

Roman Griffin Davis: Johannes "Jojo Rabbit" Betzler
Thomasin McKenzie: Elsa Korr
Taika Waititi: Adolf Hitler
Rebel Wilson: Fräulein Rahm
Stephen Merchant: Deertz
 

Eurovision Song Contest: The Story ...

Un film con Will Ferrel sull’Eurovision Song Contest: già messa così la faccenda basterebbe a scremare chi debba guardarlo e chi no. ...

Tutti pazzi a Tel Aviv (Tel Aviv on ...

“Tel Aviv On Fire”, in italiano terribilmente titolato “Tutti pazzi a Tel Aviv”, non sia mai che qualcuno ne ...

After Life (2^ stagione)

Continua il duro percorso di riadattamento alla vita quotidiana del burbero Tony, al quale un cancro ha strappato la dolce moglie e la ...

Gli Uomini D’oro

Un napoletano tifoso del Napoli, un torinese tifoso del Toro e un lucano tifoso della Juventus mettono insieme le forze per rapinare un ...

Un affare di famiglia

A partire dal trionfo a Cannes fino a quello agli Oscar, si è fatto un gran parlare (meritatamente) di “Parasite”. Un film non ...