CALIBRO 35
Momentum

[ Record Kicks - 2020 ]
7.5
 
Genere: Funk, Nu-Jazz, Strumentale
 
di
3 Febbraio 2020
 

Cuore al passato, testa al futuro: facile, a parole. Quanto a parole è facile cercare di essere al passo coi tempi, per di più senza snaturarsi. Difficile, verrebbe da dire, pure per i Calibro 35, gente che a tessere colonne sonore di, più o meno, immaginari film anni 70, specie poliziotteschi, ha fatto la propria fortuna, e che in pochi avrebbero immaginato poter essere in grado, se non strumentalmente almeno come inclinazione, di maneggiare qualcosa che guardasse al presente ed al futuro prossimo invece che al passato. E invece.

Forti anche delle esperienze singole al di fuori della combo Calibro 35, i ragazzi milanesi col loro settimo album in studio si addentrano in orbite digitali con approccio e messa in posa analogica. Si fanno aiutare, non una novità ma di certo nemmeno una costante, dal rap di Illa J e di MEI rispettivamente in “Stan Lee” (ogni riferimento a persone è causale) e “Black Moon”, a conti fatti i brani che rimangono più in mente del lotto, fosse solo per il groove contagioso. Flirtano con perturbazioni robotiche in “Automata” e “Thunderstorms and Data” tenendoci a precisare che è tutto è in analogico, salvo la successiva organizzazione delle parti strumentali. Si lasciano volentieri contagiare da gente Shabaka Hutchings  (più volte indicato come ispirazione, sia con i Sons of Kemet che con i The Comet is Coming) in spaccati di pezzi come, appunto, “T&D” e “Tom Down” e soprattutto “Fail It Till You Make It”. Abbracciano spettri acidi di trip-hop in “Glory-Fake-Nation”, o impulsi più falotici in “4×4” . Mescolano la loro classe, la loro perizia e la loro fantasia con aromi di passato e ingredienti dei giorni d’oggi, e probabilmente di domani, senza che l’idea di pastiche sonoro ci sfiori nemmeno.

Non possiamo sapere con certezza, ad oggi, se “Momentum” sia un punto d’arrivo o un punto di partenza: quello che sappiamo è che “Momentum” è l’ulteriore riprova di talento e poliedricità per i milanesi, consacratisi ormai punto di riferimento nostrani (e non solo) del settore, sorta di piccoli demiurghi delle colonne sonore di parte delle nostre vite.

Tracklist
1. Glory-Fake-Nation
2. Stan Lee feat. Illa J
3. Death Of Storytelling
4. Automata
5. Tom Down
6. Thundestorms and data
7. Black Moon feat. MEI
8. Fail It Till You Make It
9. 4x4
10. One Nation Under A Format
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Manuel Agnelli – Ama Il ...

Attorno ad un nucleo solitario – materialmente separato dal mondo esterno, dalle sue mutevoli imposizioni, dalle sue sovrastrutture ...

The Shifty Split – Only After

Figura decisamente affascinante quella di Alexandre Marius Jacob: il ladro anarchico e gentiluomo francese che potrebbe aver ispirato la ...

The Orchids – Dreaming Kind

Quando ci si approccia a nuovi lavori di artisti che, almeno nel loro ambito, hanno fatto la storia, diventando dei paradigmi per altri ...

Djo – Decide

Tutti ce l’hanno in mente come il buon vecchio e simpatico Steve di Stranger Things, ma nessuno sa che oltre alla carriera televisiva ...

Megadeth – The Sick, The ...

Malati, moribondi o morti? A noi sembra che i Megadeth, nonostante i quarant’anni di carriera sul groppone, godano ancora di ottima ...

Recent Comments