WOLF PARADE
Thin Mind

[Sub Pop – 2020]
7.5
 
Genere: Indie Rock
 
3 Febbraio 2020
 

Novità in casa Wolf Parade, tre anni dopo il ritorno sulle scene con “Cry Cry Cry”. Il multi strumentista Dante DeCaro è uscito dal gruppo, lasciando Spencer Krug, Dan Boeckner e Arlen Thompson a ragionare sul da farsi. La decisione di tornare alle origini e proseguire come trio, riproponendo in tutto e per tutto la formazione del 2003, è venuta spontanea prima di entrare in studio a registrare l’album numero cinque.

Serrano i ranghi i Wolf Parade e scelgono ancora una volta John Goodmanson per produrre “Thin Mind”. Un disco meno esplosivo e un filo più rock della piccola svolta pop di “Cry Cry Cry”, che segna un ritorno alle atmosfere di “Apologies To The Queen Mary” e “EXPO 86” con qualche riflessione un po’ amara sui tempi moderni.

L’affiatamento tra Krug, Boeckner e Thompson non fa sentire troppo la mancanza di DeCaro, il suono diventa più scarno e dark. Batteria, chitarre e un mucchio di sintetizzatori vecchi e nuovi si danno il cambio con fluidità in brani dal tono a volte giocoso (il singolo “Forest Green”, “Wandering Son”, l’epica “Town Square” in chiusura) altre con indole decisamente tagliente e malinconica (“Out of Control”, “The Static Age”, “As Kind as You Can”).

Anime che hanno sempre fatto parte del DNA dei Wolf Parade e del modo di scrivere di Krug e Boeckner, che in “Against the Day” si scambiano versi in un crescendo di tastiere e ritmi sincopati.

La gioia di ritrovarsi ha lasciato il posto alla consapevolezza di avere ancora qualcosa da dire in un disco meno avventuroso, più maturo e riflessivo in cui a trascinare è spesso e volentieri la batteria di Thompson. “Thin Mind” non cattura al primo ascolto, ma non deluderà i fan di lungo corso.

Credit foto: Pamela Evelyn e Joseph Yarmush

Tracklist
1. Under Glass
2. Julia Take Your Man Home
3. Forest Green
4. Out of Control
5. The Static Age
6. As Kind as You Can
7. Fall Into the Future
8. Wandering Son
9. Against the Day
10. Town Square
 
 

Ulver – Flowers Of Evil

Il viaggio degli Ulver nei meandri del synthpop prosegue con le otto tracce di “Flowers Of Evil”, un album cui spetta il non semplice ...

Marsicans – Ursa Major

L’estate è ormai finita, ma ogni occasione è buona per ricordare la musica uscita in questo periodo. Tormentoni a parte, sono state ...

Paul Epworth – Voyager

Paul Epworth, famoso produttore che ha fatto la fortuna di artisti molto diversi come Adele, Coldplay, Bloc Party, Florence + The Machine, ...

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...