SELFIMPERFECTIONIST
Life In Square Brackets

[Autoproduzione - 2020]
7.5
 
Genere: elettronica
 
4 Febbraio 2020
 

Le parentesi quadre ci spaventano. Ci ricordano le espressioni, ci ricordano la “brutta” matematica. Le parentesi rotonde sembrano più gentili, più morbide, più delicate. Ci sfugge una cosa…vogliamo fare una postilla…beh, c’è la parentesi rotonda, così accogliente, così salvifica. Ma se invece il rotondo lasciasse spazio al quadrato? Andremmo in crisi?  Giorgio Pilon ci indica che non è così, anzi,  forse per ripensare a una colonna sonora adeguata del nostro essere ci vogliono occhi appena più matematici (che sappiano guardare oltre al risultato e ripensino con calma alla costruzione armonica e strutturale di un calcolo) e nessuna paura nello smettere di guardare l’orologio. Tempi e spazi da rivedere, ricostruire, che necessitano di essere ripensati e ridefiniti. Con la musica adeguata. In matematica le parentesi quadrate sono un passo successivo e ulteriore rispetto a quelle rotonde. Ecco, Selfimperfectionist non pecca di presunzione quando ci spinge a considerare questa soluzione: funzionale per lui, evidentemente, ma suggerita anche a noi ascoltatori.

Elettronica spartana dalle tinte solo in apparenza scure, ma in realtà ricoperta da una patina quasi mistica e suggestiva: fantasmi pulsanti che ci trasmettono vibrazioni accattivanti in una notte tutt’altro che fredda e implacabile. Ne nasce così un disco in cui l’incontro con queste entità astratte, capaci anche di sussurrare e accarezzare con mani delicate, ci spinge a rivedere nostre personali convinzioni nella gestione, come accennavo prima, di spazio e tempo.

Il battito si fa riverberato tanto quanto ondivago, ambient e liquido…rotondo? No, non lasciatevi ingannare, è ancora basato su parentesi quadrate, ma è la nostra percezione di quelle stesse parentesi che, alla fine, sarà completamente e necessariamente cambiata…

 

Tracklist
1. Purple Wheeze
2. Lost and Shattered, Pt. 2
3. Lichen
4. Balance Increase
5. Ocean Lines
6. First Check
7. Berlin (The Wait)
 
 

Greg Dulli – Random Desire

E’ raro fare qualcosa per la prima volta, dopo trent’anni di onorata carriera. Succede a Greg Dulli (Afghan Whigs, The Twilight Singers) ...

Beach Bunny – Honeymoon

Attesissimo (dal sottoscritto) l’esordio sulla lunga distanza della band di Lili Trifilio non possiamo dire che deluda, ma non riesce ...

Oh Wonder – No One Else Can ...

Avevo riposto delle discrete aspettative su questo nuovo lavoro del duo londinese, gran parte delle quali però disattese. Dispiace, perché ...

The Men – Mercy

Incredibile ma vero, i The Men sono riusciti a registrare ben tre dischi di fila con la stessa formazione. “Mercy” è l’ottavo album ...

Mariana Semkina – ...

Primo album solista per Marjana Semkina, voce degli iamthemorning (sempre lei nonostante lo spelling diverso del nome a lettere gotiche in ...