ALBUM: SQUIRREL FLOWER
I Was Born Swimming

 
6 Febbraio 2020
 

L’abbiamo iniziata a seguire qualche mese fa, l’abbiamo vista crescere man mano che realizzava un nuovo brano, l’abbiamo intervistata, qualche giorno fa l’abbiamo anche vista dal vivo a Londra e finalmente ieri è arrivato il giorno del suo atteso esordio sulla lunga distanza: stiamo parlando ovviamente di Ella O’Connor Williams, nativa di Boston, ma – come da lei stesso raccontatoci – per metà italiana (da parte della mamma), che ha pubblicato questo suo “I Was Born Swimming” via Full Time Hobby.

Per questo suo lavoro, registrato al Rear Book Room Studio di New York City, Squirrel Flower si è avvalsa di un ottimo collaboratore come il produttore Gabe Wax, già al lavoro in passato con brillanti musicisti quali Adrienne Lenker, Palehound e Cass McCombs, oltre che del supporto di una sezione ritmica.

L’inizio con “I-80”, un brano autobiografico, parte calmo, per poi crescere in maniera saggia grazie anche all’aiuto di un drumming molto determinato, ma si contraddistingue soprattutto per l’intensa emotività che la splendida voce di Ella riesce a trasmettere, spargendo un senso poetico nella sua musica.

Indie-rock di grande classe il suo primo singolo, “Red Shoulder”, che con le sue ottime chitarre fuzzy e la sua grande sensibilità ci ricorda molto da vicino la bravissima e altrettanto giovane Lucy Dacus, per cui la Williams ha aperto negli anni scorsi: la passione dei suoi vocals è assolutamente toccante e ci regala sensazioni clamorose, pensando poi che la musicista del Massachusetts ha solo ventitre anni.

Non vogliamo fare una recensione elencatoria, ma sono davvero tanti i pezzi, tra i dodici presenti su “I Was Born Swimming”, che meritano di essere citati a cominciare da “Headlights”: il suo ritmo leggero e quel meraviglioso riverbero aiutano a creare un’atmosfera di quelle che fanno venire i brividi. Gli altri meriti ovviamente sono dei vocals della Williams, che sanno navigare perfettamente attraverso i panorami sonori che la ragazza di Boston costruisce con la sua sei corde.

Una delle nostre preferite è la cortissima “Honey, Oh Honey” (meno di 75”): dolce, country, ma con alcune pennellate di fuzz che la portano verso un mondo indie-rock dalle tinte melodiche.

La bellissima “Home” è senza dubbio un altro degli highlights di questo debutto sulla lunga distanza: calma, riflessiva, malinconica, non forza mai il ritmo, ma è capace di portare calore e sentimenti.

Potenza indie-rock, chitarre fuzzy, ma anche vocals intensi e una grande forza emotiva per il recentissimo singolo “Streetlight Blues”, pure questo uno dei nostri preferiti.

Trentacinque minuti che si lasciano ascoltare con tanta attenzione e ci affascinano non solo per le qualità vocali e artistiche di Squirrel Flower, ma anche per la sua grande capacità di aggiungere un malinconico, elegante e per nulla scontato senso di poesia alle sue composizioni: il tempo è tutto dalla sua parte e il futuro dell’indie-rock al femminile statunitense, quantomeno secondo il nostro modesto parere, è destinato a passare anche da lei.

 

JARV IS…, nei cinema UK con ...

Jarvis Cocker porta i suoi Jarv Is… in tour nei cinema britannici con “Beyond The Pale… Live from the Centre of the ...

Glass Animals – Live ...

Con l’uscita del nuovo album “Dreamland“, un live coi fiocchi ce lo meritavamo tutti. Fortunatamente, le nostre ...

Conor Oberst insieme a Phoebe ...

Sabato scorso, 17 ottobre, Phoebe Bridgers si è esibita in un vuoto Troubadour, storica venue di LA, in occasione di una raccolta fondi a ...

Guarda Beabadoobee suonare per ...

Lo scorso venerdì 16 ottobre Beabadoobee ha suonato per intero “Fake It Flowers” (leggi la recensione) il suo nuovo disco ...

The Boys In The Band

Nuovo adattamento (prodotto da Netflix, ma senza risentire troppo delle problematiche che di solito il caso porta con se) della celebre ...