PET SHOP BOYS
Hotspot

[ x2 Recordings - 2020 ]
6
 
Genere: dance-pop, synth pop
 
6 Febbraio 2020
 

Il meglio è ormai da un pezzo alle spalle, ma va bene così. I quarantadue minuti di “Hotspot”, quattordicesimo album dei Pet Shop Boys, sono una ventata di leggerezza e divertimento con cui il leggendario duo britannico rende omaggio alla propria storia. Registrato tra Londra, Los Angeles e Berlino, il nuovo frutto della quarantennale collaborazione tra Neil Tennant e Chris Lowe non punta a rimescolare le carte in tavola; si limita, molto più semplicemente, a passare una mano di vernice fresca sulle consuete sonorità dance pop ed EDM.

Dietro il bancone del mixer siede, per la terza volta consecutiva dopo “Electric” (2013) e “Super” (2016), il pluripremiato produttore Stuart Price. L’uomo che quindici anni fa risollevò la carriera di Madonna con il trionfale “Confessions On A Dance Floor”, tanto per intenderci. Un nome di peso per un lavoro che, purtroppo, sarà ricordato dai posteri come un episodio minore nella ricca discografia dei Pet Shop Boys.

Un bel compitino da dare in pasto ai fan più attempati, pronti a lanciarsi sulla pista da ballo in occasione di qualche serata revival. Per carità, non che ci sia nulla di male in tutto ciò; è solo che da due questi non più giovanissimi gentlemen londinesi era lecito aspettarsi qualcosa di un pizzico più eccitante.

Che fine hanno fatto le lunghe cavalcate dance alla “Left To My Own Devices”, o lo spassosissimo (e irresistibile) kitsch di “Go West”? Sono spariti da tempo. I dieci brani di “Hotspot” non servono ad altro che a rassicurare l’ascoltatore: i Pet Shop Boys sono vivi e vegeti e sanno ancora fare – in maniera più che dignitosa, aggiungerei – il loro mestiere.

E quello si limitano a fare, senza regalarci troppe sorprese. Si avvertono, tuttavia, i primi sintomi della vecchiaia: le canzoni più tradizionalmente dance inserite in scaletta (“Will-o-the-wisp”, “Happy People” e “Dreamland”) coinvolgono ma non hanno né mordente, né personalità. La pulsante “Monkey Business” ci fa rivivere l’epoca della disco music più lustrinata e pacchiana, concentrandola però in quattro minuti di sterile parodia.

Il ritorno alle origini synth pop si svolge in maniera molto più convincente. I suoni vellutati di “You Are The One” e “Only The Dark”, combinati con le squisite melodie del maestro Tennant, sembrano volerci far riassaporare le atmosfere zuccherine di una “Always On My Mind”. Inutile comunque farsi travolgere dalla nostalgia per i classici: pur essendo pigro e inconsistente dal punto di vista creativo, “Hotspot” resta un album gradevole dall’inizio alla fine. Magari da gustarsi in macchina, o nel tepore di casa: la discoteca è chiusa per limiti di età.

P.S.: Agli amici di Indie For Bunnies, immarcescibili amanti del britpop d’antan, farà piacere sapere che la chitarra sulla ballad semi-acustica “Burning The Heather” appartiene nientepopodimeno che al grande Bernard Butler, indimenticato primo chitarrista dei Suede.

Credit Foto: Phil Fisk

Tracklist
1. Will-o-the-wisp
2. You Are The One
3. Happy People
4. Dreamland
5. Hoping For A Miracle
6. I Don't Wanna
7. Monkey Business
8. Only The Dark
9. Burning The Heather
10. Wedding In Berlin
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...