SUBMEET
Terminal

[ Lady Sometimes - 2020 ]
8
 
Genere: post-punk
Tags:
 
6 Febbraio 2020
 

Abbiamo lasciato i submeet a qualche mia recensione fa: avevo parlato del loro primo EP, mi era piaciuto parecchio ed avevo apprezzato questo revival shoegaze alla loro maniera, originale, intenso. Oggi parliamo ancora di questo trio…sprofondiamo nell’angoscia, nell’ansia e nella disperazione del perdersi in un aeroporto, “Terminal” è qui.

La band ha fatto un cambio di rotta molto radicale, un sound ruvido e pieno di malessere sonico, riecheggiando atmosfere che possono ricordare i Preoccupation, ma non solo, anche gli A Place to Bury Strange.

Prima di scrivere ho parlato con Zannunzio (cantante, bassista e frontman della band), per avere un po’ di info in più, per capire come mai questo album fosse così rumoroso e dal mix molto weird. Mi ha spiegato che hanno registrato tutto in analogico dal grande Davide Chiari (già nei Tin Woodman e nei Lancasters) con un otto piste, usando pochissimi microfoni per la batteria, in più erano in un posto grande e spoglio e quindi un contributo sonoro così importante è dovuto anche alla stanza in cui hanno registrato. Il mix è stato gestito appositamente in modo “deragliante”, in modo da risultare sconvolgente per l’ascoltatore. Missione compita ragazzi.

I pezzi sono travolgenti: da “Terminal”, uno dei brani che ti lapida con un muro di noise e di stanchezza unita ad una malsana tristezza, “BGY” con la sua cattiveria ed “Audiodrome”, suite malata da 12 minuti di puro Noise e Shoegaze. La band è migliorata nella costruzione dei brani e nella padronanza degli strumenti e, come dicevo prima, armatevi di coraggio per affrontare simili brani così dirompenti, rabbiosi e devastanti. Il pubblico “medio” potrebbe soccombere di fronte alla portata di questi incubi e alla rabbia che si portano dentro.

In conclusione un grandissimo album.

Foto di Ilenia Arangiaro

Tracklist
1. 190720_0004
2. Terminal
3. Capsule Hotel
4. Nimby
5. White Arms
6. Boelcke
7. Makkahtronic
8. RA815 REV. 0
9. BGY
10. Audiodrome
 
 

Lee Ranaldo & Raül Refree ...

Se non mi credete aprite Google Maps e cercate la città di Winnipeg, nello stato del Manitoba, in Canada; leggete i nomi delle sue strade: ...

Ozzy Osbourne – Ordinary Man

Dieci anni dopo l’ultima uscita solista, il Principe delle Tenebre riemerge dalle ceneri degli ormai definitivamente defunti Black Sabbath ...

SQÜRL – Some Music For Robby ...

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la ...

Stone Temple Pilots – Perdida

No, non ci siamo, non ci siamo proprio. Stavolta i fratelli De Leo l’hanno combinata davvero grossa, l’iconica band di San ...

Peggy Sue – Vices

Sono passati ben sei anni da “Choir Of Echoes”, il terzo album delle Peggy Sue, ma ora le ragazze di stanza a Londra gli anno finalmente ...